Feb 16, 2017

Natural History Museum (Londra)

4 comments

Edited: Feb 16, 2017

Città : Londra (UK)

Prezzo : GRATUITO

Indirizzo : Cromwell Rd, Kensington, London SW7 5BD, Regno Unito

Sito ufficiale : http://www.nhm.ac.uk/

 

Ecco, uno non può fare un giro a Londra che subito deve scrivere qui no... maledetto Gianp... allora.

Foto per ora nix, devo trovare qualcosa di quelle che ha fatto la mia sweet half e magari le posto; dire che siamo usciti per sfinimento è poco... è immenso, ci trovate veramente di tutto, particolarmente spettacolare la zona con gli animatroni dei dinosauri e la sala / corridoio con tutti i plesiosauri, pliosauri e ittiosauri inglesi appesi alle pareti, ho ancora le bave... Il museo include l'ex museo di geologia, quindi anche per gli amanti dei sassi lustri come me è una gioia per gli occhi; interessantissima anche la sala dei dinosauri, con tanti scheletrini in scala reale un po' dappertutto e appesi a mo' di salami per tutta la sala :-). Ah, appena arrivati vi accoglie un bellissimo scheletro quasi completo di stegosauro; merita un pomeriggio o anche di più solo quello!

il forum è nato proprio per questo...metti tutto il materiale che hai raccolto...foto, info, mappe....non perdiamo queste esperienze....

Feb 16, 2017

Ho pensato di organizzare la cosa in questo modo... chi apre il topic lo mantiene, nel primo post mettiamo una breve scheda come quella di cui sopra. Poi a seguire commenti e foto di chi vuole che te ne pare?

Per ora io aprirei vari post con musei che ho visitato, poi chi vuole integra perché non me li ricordo proprio tutti...

Si importante sono le immagini ....un post con foto è un post che viene letto...un post senza immagini non viene quasi mai visto....Mi raccomando.... ;) VAi....

Feb 22, 2017

Ed ecco le foto che ha fatto mia moglie... io ero impossibilitato a capire qualcosa causa eccesso di fossili...

Lo stegosauro che vi attende all'entrata del museo

Diorama (non è una parolaccia) con nido di dinosaurini

Il corridoio degli ittiosauri con un disturbatore al centro dell'immagine. Tenete presente che io sono alto 1.78 quindi immaginatevi quanto alta è la parete

Parte del corridoio (la parete della foto di cui sopra è quella sulla sinistra)

Questo T-Rex si muove davvero... vale la pena farci un salto, sembra quasi vivo!

Visto che non bastava, hanno incluso il vecchio museo di geologia all'interno del Natural History. Questo è il museo nel museo... il solito disturbatore davanti che guarda in giro come un ebete

New Posts
  • Come ogni anno si tiene la fiera internazionale sui minerali e fossili, un florilegio di espositori di ogni orizzonte. Purtroppo si distingue la solita ed incalzante presenza di rivenditori di pietre preziose, ninnolame, Buddha scolpiti in onice, agata o crani aztechi di dubbio gusto. Nonostante questo la fiera è sempre molto affollata, da gente di tutte estrazioni sociali ed i collezionisti (noti) sono sempre presenti. Gradevole incontrare vecchie conoscenze con cui fare quattro chiacchiere sorseggiando una delle tante birre locali. Tra chi espone sempre e comunque si trova Patrick Catto , Didier Walhain e Roland Juvins . Con fossili provenienti da vari siti e che ne definiscono un poco la loro peculiarità di rivenditori. Patrick è una vecchia leva che ha il suo campo di attività prevalentemente in Marocco, conosce e gira i vari siti e propone sempre materiale estremamente interessante e ben lavorato. Ha collaborato con Geyer, Van Roy, Pillola, Lefebvre ed è un punto di riferimento per i trilobiti ed i nuovi siti che vengono scoperti e studiati nel nord Africa. Un pontifex tra i collezionisti ed i professionisti del settore. La preparazione delle bestiole esposte è generalmente effettuata da Hammi e Ali Ouakki, con qualità che sono praticamente perfette. Oltre al sempre presente Devoniano, quest'anno molti pezzi del Cambriano inferiore hanno fatto la loro apparizione, un bel F allostapis (incompleto, vedi foto piu' in basso) in positivo e negativo era assai appetitoso, ma è stato venduto prima che lo potessi ritrovare oggi... Il problema di alcuni di questi nuovo fossili è la preparazione che alcuni marocchini propongono, rovinando inesorabilmente il pezzo, con l'intento (erratissimo a mio parere) di voler creare esemplari volanti (pessima moda) anche quando la matrice e la fossilizzazione non lo permette. Cosi' la morfologia delle pleure ed il contorno dell'innocente artropode diventa una pura espressione michelangiolesca del preparatore che, non essendo appunto il grande scultore rinascimentale, è causa di pianti e stridore di denti a chi con occhio attento guarda a queste creature. Di quest'ultima foto, il pygidium a "dente di sega" di questo Apatokephalus mi lascia molto a desiderare, ma l'associazione con gli altri trilobiti la trovo carina. Eccolo il Fallotaspis plana . Davvero non male. Una coppia di Daguinaspis ambroggi (purtroppo 'volanti') facevano la loro bella impressione. Didier, insieme al suo inseparabile collega Tony, possiede sempre la sua esilarante façon di esprimersi che è un piacere, simpatico e carismatico, presenta un pot-pourri di trilobiti, denti di dino, ammoniti, foglie e quant'altro attiri un poco l'attenzione. Un passaggio obbligatorio per cercare nei suoi pezzi qualcosina che si trova sempre. Ha avuto anche la gentilezza di accogliere in un angolino i miei due libri sui Trilobiti e meduse, vendendone, con mio grande stupore, ben tre copie! Ok, va bene, nessuno è perfetto... Infine Roland. Un punto di riferimento per chi cerca del Bundenbach, ed i crinoidi ed asteroidi che vende sono decisamente sempre attraenti. Quest'anno una bella piastra con un Mimetaster hexagonalis faceva la sua bella figura, ed in uno scatolotto, tra le altre cose, (meraviglia!) una Naraoia di Burgess (che li per li ho scambiato per una bella Tariccoia sarda). Date le ristrettezze economiche che mi sono auto-imposto dopo la pubblicazione dei libro sui trilobiti, ho gaudito alla vista ma non ho acquistato. Magari più in là... Le foto sono pessime, la luce non era delle migliori per fotografare le nere lastre. Tra le novità c'era uno stand che proponeva delle copie di crani di ominidi assai interessante, oltre che due grandi crani di Ceratosauro, T-rex (ovviamente) ed altri rettili (tra cui sinapsidi). Qualitativamente ho avuto l'impressione di "bof-bof", ma non sono un buon osservatore per queste riproduzioni, che risultano comunque inusuali. Nella zona di scambio dei fossili Jean-Jacques e Sébastien proponevano parte della loro collezione e grandi (e belli) echinodermi del Mesozoico del Bacino della Mosa facevano capolino dalle loro scatole. Sicuramente per gli amanti di questi echinodermi ci sarebbe stato materiale di scambio e acquisto. Seguono foto fatte in giro tra i vari banchi, in ordine sparso... Si trovano ancora dei 'ribelli' che spacciano queste strutture come stromatoliti... Patrick Catto e una delle Furca presenti nel suo stand. Di questa era disponibile il positivo ed il negativo. Si chiude la giornata con un cielo rosso fuoco (la foto non rende quanto era bello) che ha inondato la skyline della "città ardente". Al prossimo anno Intermineral n°51!
  • Il 10 Novembre si terrà in Belgio (presso la città di Herselt) la più grande borsa di scambio/vendita di fossili Paleotime . SOLO ed ESCLUSIVAMENTE fossili, niente paccottiglia e/o bigiotteria di sorta, niente minerali, o conchiglie e SOPRATUTTO niente FALSI. La prima edizione ha avuto luogo nel 2012, ed ogni anno continua a crescere e prendere dimensioni internazionali. Quest'anno 51 saranno i partecipanti, tra cui per la prima volta , e su richiesta degli organizzatori, la mia modesta ed umile persona (...), proponendo il materiale bibliografico, e posters che ho pubblicato ad oggi. In anteprima (forse, dato che ci sono ritardi) anche il nuovo libro si trilobiti (ed a prezzo di lancio solo ed esclusivamente per la fiera). Grazie a Gianpaolo potrò anche proporre alcuni dei suoi fantastici modelli . Il costo per un tavolo di 160cm x 80cm è di 20€... un costo minimo per una fiera di questa portata! Ed entrata gratuita (pure). Foto e considerazioni personali seguiranno la prossima settimana... a presto
  • Con un qual certo ritardo, decido di mettere una lunga carrellata di fotografie fatte durante l'esposizione tematica che si è tenuta quest'anno e dal titolo: La Vita, le sue origini e la sua diversità ( La Vie, ses origines, sa diversité ). Ogni anno, in occasione di questa fiera internazionale che ha un certo qual successo, nonostante soffra ahimè del mal incurabile della " biggiotaggine e pietraglia inutile " incalzante, si tiene una esposizione tematica annessa, e quest'anno ho avuto il grande onore di partecipare esponendo parte della mia collezione in collaborazione con l'AGAB (Associazione dei Geologi Amatoriali Belgi). Più di 300 fossili hanno coperto i periodi dal Precambriano sino al Permiano, con esemplari decisamente interessanti e non comuni da vedere dal vivo. Abbiamo avuto visite da parte di professori di Paleontologia dell'Università di Liegi che si sono complimentati per i pezzi esposti e d'altronde una piccola parte della collezione dell'Università di Liegi è stata pure esposta insieme con i nostri pezzi. Quando si parla di collaborazione pubblico-privato... entusiasmati dalla qualità dell'esposizione mi/ci hanno invitato anche ad andare all'università per discutere con loro ed aiutare nella gestione delle collezioni (dove si trova tra l'altro un trilobite che ho pubblicato con colleghi, e che abbiamo depositato nella collezione universitaria). Insomma bando alle ciancie ed eccovi le foto in ordine sparso con pezzi di sicuro impatto visivo per alcuni, altri per la rarità ed interesse paleontologico... Sopra è visibile la sala dell'esposizione, da sinistra verso destra si decolla dal Precambriano con i pezzi della mia collezione (Stromatoliti ed Ediacarano), per passare al Cambriano (Marjum, Chengjiang, Burgess -con un bel video del ROM che girava su tablet-), poi gli ichnofossili del Wisconsin (miei), e poi ordoviciano del Marocco e cosi' via, terminano con Mazon Creek (mia di nuovo) ed un poco di Permiano. Le vetrine sono le classiche Kewlox , più belle delle torrette IKEA, con specchio alla base, tre ripiani ma spazio abbondante per mettere in risalto i pezzi; anche l'illuminazione verticale a due spot è stata sufficiente per poter illuminare tutti i pezzi senza avere problemi di ombra. Insomma anche questa è stata una buona scelta

Trilobites on sale

  • Facebook - Grey Circle
  • Twitter - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle

Other Fossils on sale

Books and equipment

Info

Trilobite Design Italia NON vende fossili Italiani.

In Italia è vietato il commercio e la vendita di fossili provenienti dal territorio dello Stato in quanto ritenuti beni culturali e rientranti nei beni tutelati dalla normativa n.1089 dd 1 Giugno 1939 e la nostra azienda NON commercia questi campioni. La presente ditta TDI di Gianpaolo Di Silvestro esclude nella totalità qualsiasi campione fossile d’origine paleo-antropologica. In accordo con la legge Italiana tutti i fossili sono importati ed esportati regolarmente.

Tutti i prezzi del sito sono da intendersi IVA compresa la fattura commerciale sarà allegata alla merce spedita

All prices are VAT included

Trilobite Design Italia and Scientificmodels are website made by Di Silvestro Gianpaolo Aurisina TS  ITALY P.I 01265210326