Apr 4, 2017

Illuminatore a cupola per macro.

20 comments

Buongiorno a tutti, da nuovo iscritto ho iniziato a leggere i post precedenti e sono rimasto incuriosito da quello che tratta, tra le altre cose, degli illuminatori, per essere chiaro allego un'immagine:

 

Riguardo lo stativo ho già quello che mi serve, la foto è pessima però adesso è smontato e non ho altro:

E' un semplice supporto molto rigido con spostamento del piano motorizzato e pilotato da una scheda Arduino per semplificarmi la vita visto l'uso dello stack focus, per forti ingrandimenti uso ottiche da microscopia. Il punto è questo: volendo costruirmi un sistema a luce diffusa come quello della prima immagine, e utilizzarlo anche per soggetti più voluminosi di quanto ho fatto sino ad ora, che diametro della semisfera mi consigliereste? Per farla più semplice: qual'è, o quali sono i diametri più adatti se doveste usarlo voi?

 

Riesco con una certa facilità a trovare sfere con diametri da 50 a 160mm. Sempre che non mi consigliate forme diverse...

 

Conto sul vostro aiuto, costruirmi gli accessori è un mio passatempo, in questo caso però non saprei da dove partire.

 

Un grazie anticipato

 

Guido

Apr 4, 2017

Ciao Guido e benvenuto ancora. soggetto estremamente interessante il tuo, anche perché mi interessa in ugual misura creare una cupola di questo genere; ho acquistato a pochi euro un lampadario da IKEA la settimana scorsa giusto per crearmi una piccola cupola che illuminerò con un nastro a led che mi sto procurando.

 

 

I campioni in questa prima fase di test saranno piccoli, essendo anche la cupola del diametro di 38cm e non sapendo ancora quale potenza avranno i led. Insomma sono in fase di test e quindi non so aiutarti al momento, ma seguito' la discussione con attenzione.

Credo che Enotria, se ci segue ancora, avrà sicuramente un buon consiglio da dare...

Apr 4, 2017

Già qui... "cupola da 38 cm per campioni piccoli", io quando parlo di piccoli ho soggetti da 1/2 mm. un maggiolino è già considerato enorme! Mi devo tarare...

Apr 4, 2017

hehehe... davvero abbiamo riferimenti differenti. Il mio problema è che spesso anche piccoli fossili non necessariamente sono in piccole matrici quindi sono già relativamente limitato con i campioni che mi ritrovo a riprendere. Ed è tutto da vedere che tipo di risultato si ottiene rispetto ad un illuminazione diretta (per anelli a led per esempio). Materia da esplorare insomma...

Vi basta questa? Cupolino in alluminio per torte...e' una dim. Perfetta!

 

Guido per un "trilobite" o fossile medio penso che 18-20 cm di diametro sia una misura obbligata....

Apr 4, 2017

Grazie, non avevo pensato alla cucina:

Ikea, inox, diametro 28cm, 5.5€ già una bella misura...

Apr 4, 2017

A questo punto ne servirebbero almeno due, una sui 80/100mm per i microfossili e un bel scolapasta per gli oggetti più grandi, credo che nell'ultimo caso sia conveniente utilizzare una decina di led da 1W magari con possibilità di commutarne altrettanti da 365nm.

 

Ne approfitto per un'altra domanda: gli infrarossi hanno qualche utilizzo in paleontologia?

 

(Mi rendo conto di essere pesante ma ho una certa età e troppe cose da fare prima che il Sig. Halzheimer venga a trovarmi.)

Visto che un nostro Utente esperto di microscopi e fotografia ha qualche problema ad entrare (stiamo cercando di risolverli) vi posto la discussione completa successiva avvenuta su facebook così non perdiamo i dati....di quanti hanno esperienza nel merito.....e resta tutto salvato quì....

 

Umbertino La Sorda Ci ho provato 100 volte ad entrare sul forum ma non c'è niente da fare, forse ho qualche problema io. Allora, riguardo il "coso" li io rispondo con un bel "NI". Tutto dipende da cosa si ha intenzione di fare. Se devi fare foto scientifiche, molte foto, ripetibili, il sistema è ottimo. Metti il pezzo sulla piastra, fai partire il bel motorino per il focus stack ed è fatta. Sicuramente semplice, ombre azzerate, illuminazione diffusa ecc insomma le classiche foto stucchevoli come tante, tutte uguali. Di contro si ha il fatto di non poter controllare la luce, la potrai sicuramente dimmerare, magari si potrà parzializzare la corona di led in modo da avere una illuminazione parziale ma l'agolazione rimane quella, sempre! Sinceramente non mi pare una cosa buona. Mettiamo caso che si vuol fotografare un bel "trilocoso" bello pulito e lavorato, con tutte le sue "costoline" e "brufoletti", illuminandolo con quel sistema verrà una foto sicuramente buona per un catalogo scientifico-descrittivo ma nulla di più. Se invece si usano un paio di illuminatori montati su dei bracci flessibili si può "lavorare" con le ombre. Si può posizionare la luce in modo radente per restituire ombre più scure profonde che renderanno i particolari più visibili ed interessanti, si possono posizionare dietro al soggetto per creare atmosfera e delle belle outline... Insomma, per la mia esperienza non c'è niente di meglio dei faretti. Spesso mi è capitato di persone che mi chiedevano quale flash scegliere se anulare (guardacaso meno costoso) o a satelliti e ho sempre consigliato la seconda soluzione, più versatile e più creativa. La foto è costruita con la luce, se non la posso controllare limito creatività e mortifico i soggetti.

Guido Gherlenda Come smontare un modesto riproduttore della realtà, per quanto possa esserne in grado, il tuo ragionamento non fa una piega, specialmente se dietro la fotocamera c'è un "artista", nel caso di soggetti di una certa dimensione penso anch'io che un sistema a faretti possa essere quanto di meglio, però nel caso di oggetti sotto il millimetro con distanze di lavoro minime non sono mai stato capace di fare qualcosa.

Umbertino La Sorda Guarda tempo fa un amicoBiologo della Forestale mi chiese consiglio per fare delle foto ad una collezione di Lepidotteri composto da centinaia e centianaia di pezzi. In quel caso consigliai loro di usare un flash anulare (l'illuminazione simile a quella che ottieni della parabola) proprio in virtù della ripetività del setup e dell'annullamanto di qualsiasi ombra. Fu l'unica volta che diedi l'ok per un sistema simile ;)

Guido Gherlenda Vabbè... ripiegherò per un anello per CO, mi resta sempre il problema di come illuminare i foraminiferi con 3-4mm di spazio

Umbertino La Sorda Servirebbero degli illuminatori molto piccoli = costano un botto (carogne) Robe simili http://www.dfmmolinari.com/PAGMICRO/fibre.html

Apr 9, 2017

Mah... sono indeciso, io e Umberto siamo agli antipodi: le sue foto sono perfette, studiate nei particolari, sempre di gran effetto, le mie sono semplici riproduzioni di un oggetto, che comunque è quello che al momento mi interessa (la storia della volpe e dell'uva si ripete), probabilmente per i microfossili opterò per una anello per CO ed una cupolina, per i soggetti più voluminosi seguirò i consigli di Umberto, sono già discretamente attrezzato devo solo semplificare il sistema per posizionare i punti luce e costruirne anche con led UV da 365nm.

 

Secondo me non deve impressionarti la perfezione o la non perfezione di una foto....quanto le diverse esigenze....mostrateci delle foto...così possiamo anche capire di cosa si parla....io ad esempio sono negato per le foto....

Apr 10, 2017

 

Questo è un'immagine esemplificativa delle caratteristiche dei miei microfossili, il soggetto è già molto grande, si va da qualche decimo a 4-5mm. In questo caso l'ottica è un 50mm da stampa con un'elevata distanza di lavoro, per i soggetti più piccoli, globigerine ad esempio, uso ottiche da microscopia a pochi millimetri di distanza.

Apr 10, 2017

 

 

Queste sono le dimensioni minime. (non capisco perchè la vedo verde)

È mai possibile, io che odio i cellulari devo usarli per poter vedere del tutto questo Forum.

Apr 12, 2017

Guido, date le dimensioni del foraminifero "a sombrero" che hai messo sopra, come li posizioni per fotografarli di taglio? Dai bordi immagino che effettui un post-processing su Photoshop (o programmi simili) per eliminare quello che ci sta intorno, e che sistema ottico utilizzi?

Visto il numero crescente di specialisti in microscopia sul nostro (vostro) forum, che sistema consigliate per poter cominciare a fare seriamente dell'osservazione ed acquisizione di immagini microscopica di microfossili?

Ho visto che Guido utilizza un soffietto (vedi immagine in alto) associato ad un oculare di microscopio. Puoi (potete) redarguirmi sul tipo di sistema che hai costruito? Mi piace "smanettare" con le ottiche sebbene sia di gran lunga un inesperto in materia ed un inetto in elettronica (sic!).

Grazie

Apr 12, 2017

Andrea, che sistema operativo utilizzi sul tuo computer? Strano che tu non riesca a visualizzare correttamente i differenti post qui presenti.

Io ho difficoltà con il mio vecchio iPhone, ma è troppo vecchio e non è compatibile con le nuove tecnologie che sono necessarie per poter aver un sito sicuro contro l'hackeraggio e spazzatura esterna varia...

Apr 12, 2017

Per posizionarli mi sono costruito un semplice aggeggio da appoggiare al tavolino del micro o del macroscopio:

 

Sulla punta dell'ago incollo il soggetto:

 

A questo punto è facile...

 

Lo sfondo rimane nero, quello che noti sui bordi sono artefatti dovuti ad uno stack non ben fatto.

Il supporto con il soffietto è molto semplice, nel caso si utilizzino ottiche da microscopia mantiene la distanza canonica di 160mm tra la base dell'ottica e l'oculare da proiezione, può essere usato con normali ottiche fotografiche. Nella base c'è un motore passo-passo che viene pilotato da una scheda Arduino per ottenere stack molto precisi. Due faretti (che proprio non mi piacciono) completano il tutto. Si potrebbero fare immagini identiche con il microscopio ed ottiche a basso ingrandimento, preferisco il trespolo solo per maggior spazio a disposizione per l'illuminazione.

WOW....che discussione scusate ma ero rimasto offline per qualche giorno.....che sistema interessante penso che si possa riutilizzare in maniera molto "furbesca" per fare foto anche a macrofossili bellissima Guido...p.s i tuoi campioni sono quì quando vuoi venire sono "pronti" per essere portat via... ;) dopo pasqua senza problemi.

@Enotria....Esco off topic....Signori i computer e web browser piu vecchi che non utilizzano html5 e superiori possono NON funzionare..me ne dispiace ma serve a garantire sicurezza e stabilità al sistema...Se avete sistemi operativi vecchi vi consiglio (XP, VISTA ecc......) di aggiornarli...anche per una VOSTRA sicurezza... furto dati, pishing, spamming ecc...Anche l'iscrizione è necessaria per prevenire malintenzionati...

New Posts
  • Ho avuto modo di vedere questo video di Levon Biss sulla macrofotografia di coleotteri. Impressionante il risultato ottenuto! Qualcuno degli specialisti che è presente sul forum, mi sa dire che tipo di configurazione è stata utilizzata per combinare le ottiche? A prescindere dalle reflex, attaccato al corpo macchina che cosa troviamo? Alla fine c'è un oculare di microscopio (suppongo), che caratteristiche possiede? Che anelli di adattamento ha utilizzato per collegarlo all'obbiettivo? L'obbiettivo tra il corpo macchina e l'anello adattatore per l'oculare è un macro normale con un set di prolunga? Che caratteristiche possiede? Le foto sono state poi compilate in uno stack e fuse per ottenere un risultato incredibile che potete sfogliare su google book per avere un'idea: https://books.google.be/books?id=qWtgDgAAQBAJ&printsec=frontcover&hl=fr&source=gbs_ge_summary_r&cad=0#v=onepage&q&f=false Un grazie a chi potrà chiarire le questioni poste sopra.
  • Cari tutti questo post è dedicato principalmente all'amico Enrico e Guido ma aperto a tutti come discussione; La domanda è la seguente: Quale trattamento di immagine consigliereste per mettere in evidenza questi meravigliosi e delicatissimi insetti che presto pubblicherò sul sito? Avete dei consigli o istruzioni da fornirmi?
  • il grande passo e’ stato fatto... e devo dire che vale tutti i soldi spesi. Il cubo fotografico e’ molto grande ha due aperture... una frontale e una superiore , led integrati e una misura di 60x60x60... cosa ne pensate?

Trilobites on sale

  • Facebook - Grey Circle
  • Twitter - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle

Other Fossils on sale

Books and equipment

Info

Trilobite Design Italia NON vende fossili Italiani.

In Italia è vietato il commercio e la vendita di fossili provenienti dal territorio dello Stato in quanto ritenuti beni culturali e rientranti nei beni tutelati dalla normativa n.1089 dd 1 Giugno 1939 e la nostra azienda NON commercia questi campioni. La presente ditta TDI di Gianpaolo Di Silvestro esclude nella totalità qualsiasi campione fossile d’origine paleo-antropologica. In accordo con la legge Italiana tutti i fossili sono importati ed esportati regolarmente.

Tutti i prezzi del sito sono da intendersi IVA compresa la fattura commerciale sarà allegata alla merce spedita

All prices are VAT included

Trilobite Design Italia and Scientificmodels are website made by Di Silvestro Gianpaolo Aurisina TS  ITALY P.I 01265210326