Jan 7, 2017

Trattamento d'immagine III: utilizzo filtri di overlay

0 comments

Edited: Feb 6, 2017

tra una lettura di un articolo ed un altro sulle faune di Ediacara, mi rilasso scrivendo qualche riga qui sul forum che, attualmente visto il grado di partecipazione, mi sembra piuttosto un diario intimo.

 

Avete mai trovato/acquistato un fossile che, splittando la roccia in due si crea un bel doppione ma che presenta elementi da una parte e non nella controparte e viceversa?

 

In questo "esercizio" mostro come si può risolvere a questo problema in maniera digitale.

Partiamo da una lastra contenente un favoloso artropode proveniente dalla Fomazione di Fezouata, dell'Ordoviciano inferiore del Marocco che ho trovato sul net:

Le foto da come si può osservare sono state fatte in maniera alla c... casuale ecco, quindi una prima operazione da compiere sarà quella di lavorare su una delle due immagini per effettuare un flip orizzontale (cosa obbligatoria visto che siamo di fronte ad un'immagine speculare) e sovrapporla alla seconda.

Per questo genere di operazioni utilizzo Photoshop, ma anche GIMP (freeware di eccellente fattura) va bene lo stesso. Importante fattore da tenere in conto durante la fase di acquisizione fotografica è quello di evitare distorsioni prospettiche che renderebbero l'operazione di sovrapposizione lunga e con errori; quindi tenere il campione il più possibile in posizione piana e perpendicolare all'obbiettivo della camera fotografica.

Voilà che le due foto ora ruotate nel buon senso e messe in scala. Questa operazione si effettua mettendo una foto sovrapposta alla seconda (su un layer differente su Photoshop), agendo sulla trasparenza (od utilizzando una funzione di overlay od altro, dipende dal tipo di foto) ed impartendo delle operazioni di rotazione, scala, spostamento della foto soprastante (fate un ctrl+A e poi ctrl+T per avere accesso alla modalità edizione dell'immagine). Questa operazione è la più complessa perché è necessario ottenere una sovrapposizione la più perfetta possibile onde evitare sdoppiamenti dei bordi e strutture adiacenti.

Ci siamo quasi. Da quanto illustrato nei paragrafi precedenti ora potete correggere la vostra immagine se necessario, per evidenziarne i colori e dettagli, ma senza saturare e perdere informazioni importanti.

Nell'immagine seguente ho posto le due foto una adiacente all'altra per motivi grafici, ovvio che nella realtà le due foto sono sovrapposte...

Ora potete applicare l'opzione "Apply Image" a partire del menù "Image" (su GIMP non so come funziona, sorry) come visibile nella foto che segue. Assicuratevi di aver selezionato il layer corretto (layer 2 nel mio caso, e comunque quello che sovrappone il precedente [ovvio che non si puó sovrapporre qualcosa che segue... N.d.R.], e scegliete il metodo di fusione (blending) che potrà essere differente in funzione del tipo di immagine utilizzata. Alcune prove potrebbero rivelarsi utili per mettere in evidenza strutture o dettagli che altri metodi di fusione non mettono in mostra.

Nel caso in particolare il metodo Overlay è stato il più interessante ed il risultato è stato il seguente:

Ovvio che se delle fratture erano presenti sui due esemplari, ora me le ritrovo nella stessa fotografia, ma è evidente che se avevo delle antenne da una parte e delle zampe dall'altra, ora l'organismo lo si può considerare completo e posso quindi effettuare eventuali analisi morfologiche per una migliore ricostruzione dell'individuo.

Se poi volete fare delle "marocchinerie" (concedetemi il temine improprio), potete sempre "restaurare" le parti mancanti, ma questa non è più scienza... :-)

 

New Posts
  • Ho avuto modo di vedere questo video di Levon Biss sulla macrofotografia di coleotteri. Impressionante il risultato ottenuto! Qualcuno degli specialisti che è presente sul forum, mi sa dire che tipo di configurazione è stata utilizzata per combinare le ottiche? A prescindere dalle reflex, attaccato al corpo macchina che cosa troviamo? Alla fine c'è un oculare di microscopio (suppongo), che caratteristiche possiede? Che anelli di adattamento ha utilizzato per collegarlo all'obbiettivo? L'obbiettivo tra il corpo macchina e l'anello adattatore per l'oculare è un macro normale con un set di prolunga? Che caratteristiche possiede? Le foto sono state poi compilate in uno stack e fuse per ottenere un risultato incredibile che potete sfogliare su google book per avere un'idea: https://books.google.be/books?id=qWtgDgAAQBAJ&printsec=frontcover&hl=fr&source=gbs_ge_summary_r&cad=0#v=onepage&q&f=false Un grazie a chi potrà chiarire le questioni poste sopra.
  • Cari tutti questo post è dedicato principalmente all'amico Enrico e Guido ma aperto a tutti come discussione; La domanda è la seguente: Quale trattamento di immagine consigliereste per mettere in evidenza questi meravigliosi e delicatissimi insetti che presto pubblicherò sul sito? Avete dei consigli o istruzioni da fornirmi?
  • il grande passo e’ stato fatto... e devo dire che vale tutti i soldi spesi. Il cubo fotografico e’ molto grande ha due aperture... una frontale e una superiore , led integrati e una misura di 60x60x60... cosa ne pensate?

Trilobites on sale

  • Facebook - Grey Circle
  • Twitter - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle

Other Fossils on sale

Books and equipment

Info

Trilobite Design Italia NON vende fossili Italiani.

In Italia è vietato il commercio e la vendita di fossili provenienti dal territorio dello Stato in quanto ritenuti beni culturali e rientranti nei beni tutelati dalla normativa n.1089 dd 1 Giugno 1939 e la nostra azienda NON commercia questi campioni. La presente ditta TDI di Gianpaolo Di Silvestro esclude nella totalità qualsiasi campione fossile d’origine paleo-antropologica. In accordo con la legge Italiana tutti i fossili sono importati ed esportati regolarmente.

Tutti i prezzi del sito sono da intendersi IVA compresa la fattura commerciale sarà allegata alla merce spedita

All prices are VAT included

Trilobite Design Italia and Scientificmodels are website made by Di Silvestro Gianpaolo Aurisina TS  ITALY P.I 01265210326