Feb 12

Biologia dello sviluppo ediacarano, Dunn et al. 2018

5 comments

Edited: Feb 12

Faccio seguito a questa Paleo Pillola di Paolo:

https://www.trilobiti.com/forum/main/comment/59c0df5e9ca1a90014b9dfd5?lang=it/

 

in cui il lavoro di Hoekzema, Brasier, Dunn e Liu chiariva che la Dickinsonia è un metazoo, ovvero un animale (Hoekzema RS, Brasier MD, Dunn FS, Liu AG. 2017 Quantitative study of developmental biology confirms Dickinsonia as a metazoan. Proc. R. Soc. B 284: 20171348. http://dx.doi.org/10.1098/rspb.2017.1348), sulla base di osservazioni morfologiche dello sviluppo fra venti esemplari della specie.

In seguito, Dunn è andato oltre e ha pubblicato su Biological Reviews questa interessante rassegna:

 

Dunn, F. S., Liu, A. G. and Donoghue, P. C. (2018), Ediacaran developmental biology. Biol Rev, 93: 914-932. doi:10.1111/brv.12379

https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1111/brv.12379

 

in cui si occupa dell'ontogenesi di Dickinsonia e di altri generi ediacarani, arrivando a riconoscere tre morfogruppi fondamentali: Rangeomorpha, Dickinsoniomorpha, Erniettomorpha.

 

Rangeomorpha sono organismi sessili che a prima vista ricordano più un vegetale, essendo costituiti da un tronco basale e da parti ripetitive simili a foglie. Esempio: Charnia.

 

 

 

 

 

 

 

https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=48251130

 

 

Dickinsoniomorpha sono organismi appiattiti, di forma ovoidale, caratterizzati da unità ripettive e con differenziazione longitudinale; in genere è visibile una regione deltoidale, collocata nella parte anteriore. Comprendono Dickinsonia, Yorgia, Windermeria, Andiva, secondo qualche autore anche Spriggina, ma altri non sono d'accordo.

La forma è tra le più famose, es. Dickinsonia costata:

 

 

 

 

 

 

https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=12651442

 

 

Erniettomorpha sono organismi costituiti da serie di unità tubolari ripetute, disposte in fronde, che sono stati ritrovati anche in aggregati. La biologia di questi esseri è ancora poco compresa. Comprendono generi misteriosi, come Ernietta, Pteridinium, Swartpuntia.

Esempio: Pterinidium simplex

 

 

 

 

 

 

https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=8530046

 

Ci sono autori che propongono altre classi morfologiche, oltre a queste tre identificate da Dunn et al., sempre sulla base delle morfologie, come Arboreomorpha, Bilaterialomorpha, Triradialomorpha, Kimberellomorpha, sulle quali però non mi risulta sono stati condotti studi altrettanto approfonditi.

 

La trattazione delle osservazioni e delle comparazioni è abbastanza complicata, tuttavia una delle conclusioni importanti è che rangeomorfi e dickinsoniomorfi sono metazoi primordiali.

Gli autori suggeriscono anche l’ipotesi che, in una fase molto antica, il percorso evolutivo dei metazoi fosse già caratterizzato da una notevole complessità e che non si sia svolto mediante uno sviluppo graduale, ma attraverso un cammino molto contorto e tuttora poco compreso.

Feb 14Edited: Feb 14

Grazie Stefano per questo testo.

Da aggiungere che segnalazioni sulla presenza di metazoi nel Precambriano (terminale) sono stati segnalati anche nella Guaicurus Fm. nel Mato Grosso du Sul in Brasile.

All'interno di arenarie quarzitiche sono state rinvenutei importanti networks di gallerie scavate nel sedimento da probabili vermi nematodi, organismi che secondo Parfey et al. 2011 e Erwin et al. 2011 potrebbero essere stati già presenti nel Neoproterozoico e potenzialmente nel Criogeniano.

Immagine tratta dal libro Spiagge Cambriane - Meduse e tappeti algali (www.enrico-bonino.eu)

 

Il recente articolo pubblicato da El Albani et al. (2019) sulla presenza di gallerie scavate all'interno delle serie del Francevilliano in Gabon, sembra siano state prodotte da associazioni organismi multicellulari analoghi alle attuali amebe (quindi niente metazoi) che si spostavano nel sedimento alla ricerca di cibo. Mi lascia un poco perplesso, ma mi rimetto allo studio attuale.

 

El Albani A. et al. 2019 - organism motility in a oxygenated shallow-marine environment 2.1 billio years ago. PNAS https://www.pnas.org/content/early/2019/02/05/1815721116

 

Erwin, D.H., Laflamme, M., Tweedt, S.M., Sperling, E.A., Pisani, D., Peterson, K.J., (2011). The Cambrian conundrum: early divergence and later ecological success in the early history of

animals. Science, v. 334:1091–1097. http://science.sciencemag.org/content/334/6059/1091

 

Parfrey, L.W., Lahr, D.J.G., Knoll, A.H., Katz, L.A., (2011). Estimating the timing of early eukaryotic diversification with multigene molecular clocks. PNAS, v. 108 :13624–13629. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21810989

 

Feb 14Edited: Feb 14

Parlando con jake mi confermava che sono state rinvenute forme fossili alla base delle Marble Mountains....

Feb 14

e... non avete recuperato materiale...? :-((((

Aspetta, fagli svuotare il borsone e vediamo cosa ci ha portato a casa...

New Posts
  • Proviamo a riesumare questo Forum con una discussione interessante. Come alcuni di voi sapranno sto cercando materiale informativo su Nectocaris.... Postatemi e linkatemi qui sotto tutto il materiale che avete informativo...così che creo un database che mi sarà utile per il lavoro di 3D. Non riesco a trovare questa pubblicazione: Conway Morris, S. 1976: Nectocaris pteryx, a new organism from the Middle Cambrian Burgess Shale of British Columbia. Neues Jahrbuch fu¨r Geologie und Palaeontologie, Monatshefte 12, 703– 713. idee? queste sono già in mio possesso: (Martin & Caron, 2010), (Martin, 2013) and (Mazurek& Zaton, 2011)
  • A BURGESS SHALE PRIMER - HISTORY, GEOLOGY, AND RESEARCH HIGHLIGHTS Interessante testo di Dave Rudkin illustrante il famoso livello fossilifero che ha dato alla luce le meravigliose faune di #Burgess Shale, Canada; l'articolo fa parte del Field Trip Companion Volume edito nel 2009 in occasione del centenario della scoperta di questo sito da parte di C.D. Walcott (nel 1909, ovviamente). Per chi ha accesso alla piattaforma Academia lo puo' trovare di seguito, altrimenti contattatemi per avere la copia: https://www.academia.edu/1471115/The_Mount_Stephen_Trilobite_Beds?source=swp_share
  • Articolo pubblicato un paio di anni fa su una nuova specie di "aglaspid-like" rinvenuto nel celebre lagerstätte del Cambriano, Serie 2, Stage 4 di Emu Bay (sud Australia). Non possiede le caratteristiche tipiche degli #Aglaspidi, ne dei #Cheloniellida. Gli autori lo inseriscono all'interno ei Vicissicaudata, clade che raggruppa gli Aglaspidida, Cheloniellida e un gruppo definito come Xenopoda; In quest'ultimo gruppo, cui sono inseriti Sidneya ed Emeraldella , viene introdotto questo nuovo euartropode, # Eozetetes gemmelli . Abstract: A new euarthropod from the Emu Bay Shale (Cambrian Series 2, Stage 4) on Kangaroo Island, South Australia, is a rare component of this Konservat-Lagerstätte. The two known specimens of Eozetetes gemmelli gen. et sp. nov., in combination, depict a non-biomineralized euarthropod with a relatively short cephalic shield lacking dorsal eyes and bearing a flagelliform antenna, 18 trunk segments with broad tergopleurae and paired axial nodes/carinae, and an elongate, styliform tailspine. The new species compares most closely with taxa in the putative clade Vicissicaudata, which groups Aglaspidida, Cheloniellida and Xenopoda. A ring-like terminal tergite in E. gemmelli corresponds to the caudal tergite in cheloniellids and xenopodans. Incorporating Eozetetes into recent character sets for Cambrian euarthropods supports close affinities to either Emeraldella or to aglaspidids, but several plesiomorphic character states are inconsistent with membership in Aglaspidida sensu stricto. Eozetetes is among the earliest of various Cambrian taxa informally referred to as ‘aglaspidid-like euarthropods’. Link verso pubblicazione: https://doi.org/10.1017/S0016756815001053 Una discussione su cosa sono gli aglaspidi la potete ritrovare qui: https://www.trilobiti.com/forum/paleozoic-area/gli-aglaspidi

Trilobites on sale

  • Facebook - Grey Circle
  • Twitter - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle

Other Fossils on sale

Books and equipment

Info

Trilobite Design Italia NON vende fossili Italiani.

In Italia è vietato il commercio e la vendita di fossili provenienti dal territorio dello Stato in quanto ritenuti beni culturali e rientranti nei beni tutelati dalla normativa n.1089 dd 1 Giugno 1939 e la nostra azienda NON commercia questi campioni. La presente ditta TDI di Gianpaolo Di Silvestro esclude nella totalità qualsiasi campione fossile d’origine paleo-antropologica. In accordo con la legge Italiana tutti i fossili sono importati ed esportati regolarmente.

Tutti i prezzi del sito sono da intendersi IVA compresa la fattura commerciale sarà allegata alla merce spedita

All prices are VAT included

Trilobite Design Italia and Scientificmodels are website made by Di Silvestro Gianpaolo Aurisina TS  ITALY P.I 01265210326