Jan 3, 2017

Ichnodiversità nel Cambriano e nell'Ordoviciano

0 comments

Edited: Jan 3, 2017

Decoupled evolution of soft and hard substrate communities during the Cambrian Explosion and Great Ordovician Biodiversification Event

 

Un articolo assai interessante (per chi ama farsi del male) è apparso sulla rivista PNAS ed è scaricabile gratuitamente a partire da questo link: http://www.pnas.org/content/113/25/6945.full.pdf?with-ds=yes

 

Tratta dello studio degli ichnofossili che sono stati analizzati in corrispondenza dell'Esplosione di vita nel Cambriano (CE, Cambrian Explosion) e il Grande Evento di Biodiversificazione dell'Ordoviciano (GOBE, Great Ordovician Biodiversification Event).

 

In corrispondenza del CE è noto che c'è stata una grande diversificazione nello schema corporeo (body plan) degli organismi, una conseguente importante differenziazione dei vari phyla, mentre nel GOBE si ha avuto un incremento della differenziazione tassonomica ad un livello inferiore. Questo fenomeno è stato studiato in relazione ai processi di ichnogenesi (tracce lasciate dagli organismi sul fondo marino) ed in particolare alla ichnodiversità ed ichnodisparità come risultato di questi due eventi evolutivi. Emerge che nel CE c'è stata un drammatico incremento di ichnodiversità nelle comunità che vivevano su sedimenti incoerenti, mentre fenomeni di bioerosione sono estremamente limitati. Al contrario nell'Ordoviciano la bioerosione e lo sviluppo di comunità su superficie dura aumentano notevolmente superando in numero le attività di bioturbazione su sedimenti non consolidati.

Secondo gli autori i motivi di questa differenziazione possono essere stati legati legati ad un aumento delle superfici dure a partire del Medio/Tardo Ordoviciano (per cause paleogeografiche e tettoniche), all'incremento dei fenomeni di predazione (che hanno di conseguenza ridotto la presenza di organismi sulla superficie del fondo marino) o alla necessaria differenziazione degli organismi in conseguenza dell'energia richiesta per effettuare attività di bioerosione su substrato rigido.

Fig. 1- Ichnodiversity changes during the Ediacaran-Ordovician. Ichnogenera were plotted as range-through data (i.e., recording for each ichnogenus its lower and upper appearances and then extrapolating the ichnogenus presence through any intervening gap in the continuity of its record). [Immagine tratta dala pubblicazione, pag.6946]

 

Abstract: Contrasts between the Cambrian Explosion (CE) and the Great

Ordovician Biodiversification Event (GOBE) have long been recognized. Whereas the vast majority of body plans were established as a result of the CE, taxonomic increases during the GOBE were manifested at lower taxonomic levels. Assessing changes of ichnodiversity and ichnodisparity as a result of these two evolutionary events may shed light on the dynamics of both radiations. The early Cambrian (series 1 and 2) displayed a dramatic increase in ichnodiversity and ichnodisparity in softground communities. In contrast to this evolutionary explosion in bioturbation structures, only a few Cambrian bioerosion structures are known. After the middle to late Cambrian diversity plateau, ichnodiversity in softground communities shows a continuous increase during the Ordovician in both shallow- and deep-marine environments. This Ordovician increase in bioturbation diversity was not paralleled by an equally significant increase in ichnodisparity as it was during the CE. However, hard substrate communities were significantly different during the GOBE, with an increase in ichnodiversity and ichnodisparity. Innovations in macrobioerosion clearly lagged behind animal substrate interactions in unconsolidated sediment. The underlying causes of this evolutionary decoupling are unclear but may have involved three interrelated factors:

(i) a Middle to Late Ordovician increase in available hard substrates for bioerosion,

(ii) increased predation, and

(iii) higher energetic requirements for bioerosion compared with bioturbation.

New Posts
  • Proviamo a riesumare questo Forum con una discussione interessante. Come alcuni di voi sapranno sto cercando materiale informativo su Nectocaris.... Postatemi e linkatemi qui sotto tutto il materiale che avete informativo...così che creo un database che mi sarà utile per il lavoro di 3D. Non riesco a trovare questa pubblicazione: Conway Morris, S. 1976: Nectocaris pteryx, a new organism from the Middle Cambrian Burgess Shale of British Columbia. Neues Jahrbuch fu¨r Geologie und Palaeontologie, Monatshefte 12, 703– 713. idee? queste sono già in mio possesso: (Martin & Caron, 2010), (Martin, 2013) and (Mazurek& Zaton, 2011)
  • A BURGESS SHALE PRIMER - HISTORY, GEOLOGY, AND RESEARCH HIGHLIGHTS Interessante testo di Dave Rudkin illustrante il famoso livello fossilifero che ha dato alla luce le meravigliose faune di #Burgess Shale, Canada; l'articolo fa parte del Field Trip Companion Volume edito nel 2009 in occasione del centenario della scoperta di questo sito da parte di C.D. Walcott (nel 1909, ovviamente). Per chi ha accesso alla piattaforma Academia lo puo' trovare di seguito, altrimenti contattatemi per avere la copia: https://www.academia.edu/1471115/The_Mount_Stephen_Trilobite_Beds?source=swp_share
  • Articolo pubblicato un paio di anni fa su una nuova specie di "aglaspid-like" rinvenuto nel celebre lagerstätte del Cambriano, Serie 2, Stage 4 di Emu Bay (sud Australia). Non possiede le caratteristiche tipiche degli #Aglaspidi, ne dei #Cheloniellida. Gli autori lo inseriscono all'interno ei Vicissicaudata, clade che raggruppa gli Aglaspidida, Cheloniellida e un gruppo definito come Xenopoda; In quest'ultimo gruppo, cui sono inseriti Sidneya ed Emeraldella , viene introdotto questo nuovo euartropode, # Eozetetes gemmelli . Abstract: A new euarthropod from the Emu Bay Shale (Cambrian Series 2, Stage 4) on Kangaroo Island, South Australia, is a rare component of this Konservat-Lagerstätte. The two known specimens of Eozetetes gemmelli gen. et sp. nov., in combination, depict a non-biomineralized euarthropod with a relatively short cephalic shield lacking dorsal eyes and bearing a flagelliform antenna, 18 trunk segments with broad tergopleurae and paired axial nodes/carinae, and an elongate, styliform tailspine. The new species compares most closely with taxa in the putative clade Vicissicaudata, which groups Aglaspidida, Cheloniellida and Xenopoda. A ring-like terminal tergite in E. gemmelli corresponds to the caudal tergite in cheloniellids and xenopodans. Incorporating Eozetetes into recent character sets for Cambrian euarthropods supports close affinities to either Emeraldella or to aglaspidids, but several plesiomorphic character states are inconsistent with membership in Aglaspidida sensu stricto. Eozetetes is among the earliest of various Cambrian taxa informally referred to as ‘aglaspidid-like euarthropods’. Link verso pubblicazione: https://doi.org/10.1017/S0016756815001053 Una discussione su cosa sono gli aglaspidi la potete ritrovare qui: https://www.trilobiti.com/forum/paleozoic-area/gli-aglaspidi

Trilobites on sale

  • Facebook - Grey Circle
  • Twitter - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle

Other Fossils on sale

Books and equipment

Info

Trilobite Design Italia NON vende fossili Italiani.

In Italia è vietato il commercio e la vendita di fossili provenienti dal territorio dello Stato in quanto ritenuti beni culturali e rientranti nei beni tutelati dalla normativa n.1089 dd 1 Giugno 1939 e la nostra azienda NON commercia questi campioni. La presente ditta TDI di Gianpaolo Di Silvestro esclude nella totalità qualsiasi campione fossile d’origine paleo-antropologica. In accordo con la legge Italiana tutti i fossili sono importati ed esportati regolarmente.

Tutti i prezzi del sito sono da intendersi IVA compresa la fattura commerciale sarà allegata alla merce spedita

All prices are VAT included

Trilobite Design Italia and Scientificmodels are website made by Di Silvestro Gianpaolo Aurisina TS  ITALY P.I 01265210326