Aug 22

Nectocaris pteryx "primitivo" cefalopode del Cambrian del Burgess Shale.

8 comments

Proviamo a riesumare questo Forum con una discussione interessante. Come alcuni di voi sapranno sto cercando materiale informativo su Nectocaris....

Postatemi e linkatemi qui sotto tutto il materiale che avete informativo...così che creo un database che mi sarà utile per il lavoro di 3D.

 

Non riesco a trovare questa pubblicazione:

 

Conway Morris, S. 1976: Nectocaris pteryx, a new organism from

the Middle Cambrian Burgess Shale of British Columbia. Neues

Jahrbuch fu¨r Geologie und Palaeontologie, Monatshefte 12, 703–

713.

 

idee?

 

queste sono già in mio possesso:

(Martin & Caron, 2010), (Martin, 2013) and (Mazurek& Zaton, 2011)

 

Discussione interessantissima inviatami da @EBo

https://ediacaran.blogspot.com/2010/06/squid-wannabes-in-cambrian.html?fbclid=IwAR3UXOPylmsNtAce60Gr7WiOrSNLaWrXX2XS6sYcnyedE6_FnrUKpCBbfak

e alcune ricostruzioni a mio dire molto interessanti una della 10Tons

Nectocaris della 10Tons

 

TUTTE le foto o i dati che riuscite a cacciare dal Web linkate le qui per favore... Grazie Gianp

Aug 28

la pubblicazione di Simon l'ho trovata (chiesta direttamente all'autore).

Per chi è interessato, chieda.

Interessante vedere come la prima interpretazione di questo organismo fosse decisamente differente da quella che è risultata in seguito al rinvenimento di esemplari più completi.

 

p.s da oggi allegati non con copyright potete allegarli nella chat del forum... ;)

anche se un poco in ritardo ecco le foto del modello...

 

Nectocaris pteryx 3D model

 

 

New Posts
  • A BURGESS SHALE PRIMER - HISTORY, GEOLOGY, AND RESEARCH HIGHLIGHTS Interessante testo di Dave Rudkin illustrante il famoso livello fossilifero che ha dato alla luce le meravigliose faune di #Burgess Shale, Canada; l'articolo fa parte del Field Trip Companion Volume edito nel 2009 in occasione del centenario della scoperta di questo sito da parte di C.D. Walcott (nel 1909, ovviamente). Per chi ha accesso alla piattaforma Academia lo puo' trovare di seguito, altrimenti contattatemi per avere la copia: https://www.academia.edu/1471115/The_Mount_Stephen_Trilobite_Beds?source=swp_share
  • Articolo pubblicato un paio di anni fa su una nuova specie di "aglaspid-like" rinvenuto nel celebre lagerstätte del Cambriano, Serie 2, Stage 4 di Emu Bay (sud Australia). Non possiede le caratteristiche tipiche degli #Aglaspidi, ne dei #Cheloniellida. Gli autori lo inseriscono all'interno ei Vicissicaudata, clade che raggruppa gli Aglaspidida, Cheloniellida e un gruppo definito come Xenopoda; In quest'ultimo gruppo, cui sono inseriti Sidneya ed Emeraldella , viene introdotto questo nuovo euartropode, # Eozetetes gemmelli . Abstract: A new euarthropod from the Emu Bay Shale (Cambrian Series 2, Stage 4) on Kangaroo Island, South Australia, is a rare component of this Konservat-Lagerstätte. The two known specimens of Eozetetes gemmelli gen. et sp. nov., in combination, depict a non-biomineralized euarthropod with a relatively short cephalic shield lacking dorsal eyes and bearing a flagelliform antenna, 18 trunk segments with broad tergopleurae and paired axial nodes/carinae, and an elongate, styliform tailspine. The new species compares most closely with taxa in the putative clade Vicissicaudata, which groups Aglaspidida, Cheloniellida and Xenopoda. A ring-like terminal tergite in E. gemmelli corresponds to the caudal tergite in cheloniellids and xenopodans. Incorporating Eozetetes into recent character sets for Cambrian euarthropods supports close affinities to either Emeraldella or to aglaspidids, but several plesiomorphic character states are inconsistent with membership in Aglaspidida sensu stricto. Eozetetes is among the earliest of various Cambrian taxa informally referred to as ‘aglaspidid-like euarthropods’. Link verso pubblicazione: https://doi.org/10.1017/S0016756815001053 Una discussione su cosa sono gli aglaspidi la potete ritrovare qui: https://www.trilobiti.com/forum/paleozoic-area/gli-aglaspidi
  • Un articolo apparso l'anno scorso, edito da Rudy Lerosey-Aubril e Stephen Pates che descrive un nuovo radiodonte, Pahvantia hastata, della Wheeler Formation. Un altro tassello sulla grande variabilità negli artropodi nectonici che occupavano la parte superiore della piramide alimentare dei mari del Cambriano. Dell'articolo inoltre suggerisco di leggere la "Discussion" finale, che illustra in maniera molto interessante la relazione tra forme planctoniche, predatrici e filter-feeder in questo gruppo di artropodi estremamente interessante e differenziato. Abstract: The rapid diversification of metazoans and their organisation in modern-style marine ecosystems during the Cambrian profoundly transformed the biosphere. What initially sparked this Cambrian explosion remains passionately debated, but the establishment of a coupling between pelagic and benthic realms, a key characteristic of modern-day oceans, might represent a primary ecological cause. By allowing the transfer of biomass and energy from the euphotic zone—the locus of primary production—to the sea floor, this biological pump would have boosted diversification within the emerging metazoan-dominated benthic communities. However, little is known about Cambrian pelagic organisms and their trophic interactions. Here we describe a filter-feeding Cambrian radiodont exhibiting morphological characters that likely enabled the capture of microplankton-sized particles, including large phytoplankton. This description of a large free-swimming suspension-feeder potentially engaged in primary consumption suggests a more direct involvement of nekton in the establishment of an oceanic pelagic-benthic coupling in the Cambrian. Articolo in libero accesso qui: https://www.nature.com/articles/s41467-018-06229-7.pdf

Trilobites on sale

  • Facebook - Grey Circle
  • Twitter - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle

Other Fossils on sale

Books and equipment

Info

Trilobite Design Italia NON vende fossili Italiani.

In Italia è vietato il commercio e la vendita di fossili provenienti dal territorio dello Stato in quanto ritenuti beni culturali e rientranti nei beni tutelati dalla normativa n.1089 dd 1 Giugno 1939 e la nostra azienda NON commercia questi campioni. La presente ditta TDI di Gianpaolo Di Silvestro esclude nella totalità qualsiasi campione fossile d’origine paleo-antropologica. In accordo con la legge Italiana tutti i fossili sono importati ed esportati regolarmente.

Tutti i prezzi del sito sono da intendersi IVA compresa la fattura commerciale sarà allegata alla merce spedita

All prices are VAT included

Trilobite Design Italia and Scientificmodels are website made by Di Silvestro Gianpaolo Aurisina TS  ITALY P.I 01265210326