Jun 17, 2018

Trilobites of the British Isles

2 comments

 

 

Mancava, nello spazio sempre più ristretto della bibliografia dedicata ai trilobiti, un volume che trattasse in dettaglio di questi affascinanti artropodi che si rinvengono nelle Isole Britanniche (Gran Bretagna e Repubblica d’Irlanda). Gli ultimi anni hanno visto in effetti la pubblicazione di un florilegio di volumi da parte di professionisti e collezionisti su questi organismi estinti; infatti mentre sto scrivendo questa recensione (Giugno 2018) un nuovo volume riguardante i Fossili del Paleozoico del Marocco (volume 1) è stato pubblicato. Ma torneremo in futuro con un’altra recensione sulla descrizione di questo libro.

 

 

I trilobiti delle Isole Britanniche… chi non ha mai visto su riviste, libri o conferenze descrivere uno di quei stupendi, giganteschi ed affascinanti Paradoxides (Paradoxides ) davidis davidis Salter 1863? Descritti per la prima volta appunto da Salter nel 1863, questi gioielli paleontologici si rinvengono nelle Serie di St. Davidis nel Wales (ora zona protetta e parte del Pembrokeshire National Park), diventando un’icona rappresentativa dei trilobiti del Cambriano medio della Gran Bretagna. I fortunati collezionisti che riescono ad acquisire un esemplare da vecchie collezioni, ne fanno quasi un oggetto di venerazione.

 

Ma le formazioni geologiche paleozoiche di queste isole hanno dato alla luce innumerevoli tesori paleontologici che sono ancora relativamente poco noti (ma non meno interessanti!) tra gli amatori ed i professionisti. Il volume è dedicato di conseguenza a coloro che desiderano approfondire la conoscenza sulle faune a trilobiti inglesi, fermo restando che è necessaria una conoscenza di base di questi artropodi, non essendo presente nel volume una sezione introduttiva che ne descrive la morfologia, la classificazione e l’evoluzione. Più di quattromila quattrocento specie sono state descritte nelle isole britanniche, una storia di ricerche, studi, pubblicazioni lunga quasi 300 anni, e questo testo ne illustra solo una minima parte, ma con esemplari di eccellente qualità, conservazione e pregio.

 

I numerosi esemplari illustrati, provengono dalle più importanti collezioni storiche britanniche, come quelle presenti nel Natural History Museum di Londra, il Museo di Storia Naturale dell’Università di Oxford (Oxford University Museum of Natural History), ed il Museo Lapworth dell’Università di Birmingham (University of Birmingham’s Lapworth Museum). Un importante (e fondamentale) apporto iconografico è stato dato anche da collezionisti privati, tra cui prevalgono gli esemplari appartenenti alla collezione di uno degli autori (R.K.).

Il volume, da considerarsi come un atlante fotografico, è organizzato in capitoli che si sviluppano seguendo le differenti periodi del Paleozoico, dal Cambriano al Carbonifero; per ogni sezione un paragrafo introduttivo descrive brevemente il contesto storico, geologico, paleogeografico e stratigrafico, ed il tutto è corredato da carte geologiche semplificate che evidenziano gli affioramenti geologici descritti.

Le zonazioni stratigrafiche mostrano la terminologia utilizzata nelle Isole Britanniche, così come le biozone a graptoliti impiegate per la classificazione biostratigrafica. Data la ricchezza paleontologica degli affioramenti datati all’Ordoviciano, gran parte del libro tratta dei trilobiti di questo periodo, seguita dal Siluriano, Cambriano, Devoniano e Carbonifero.

 

Le tavole, riccamente illustrate e con chiare fotografie, permettono di visualizzare e riconoscere facilmente le numerose specie trattate. Ogni foto è accompagnata da una didascalia che riporta il genere e la specie, l’autore o gli autori che hanno descritto il fossile, la localizzazione stratigrafica, dove il fossile è conservato e le dimensioni. In evidenza a piena pagina, si possono apprezzare esemplari particolarmente rari o in eccellenti condizioni di conservazione: non posso non citare quindi l’Olenus gibbus Wahlenberg 1818, il rarissimo Macropyge chermi Stubblefield 1927 del Cambriano, l’Ogyginus? (nuova specie), il Pricyclopyge binodosa Salter in Murchison 1859 dell’Ordoviciano, il Deiphon barrandei Whittard 1934 e l’Acaste downingae Murchison 1839, entrambi del Siluriano, il sublime Paladin mucronatus McCoy 1844, del Carbonifero… ma la lista rischia di essere troppo lunga, quindi lascio al lettore il piacere della scoperta.

Il volume contiene circa 800 fotografie a colori e 343 differenti specie e sottospecie. Il formato è 165 x 240mm per 384 pagine e pesa 500g; dimensioni e peso che ne permettono un facile trasporto anche sul terreno, nonostante, come “bibliofago” preferisca conservarlo preziosamente nella mia biblioteca.

 

Gli Autori

Dr. Robert Kennedy ha dedicato tutta la sua vita allo studio della paleontologia, evoluzione ed in particolare ai trilobiti. Ha ottenuto un Master sui Trilobiti dell’Ordoviciano inferiore del Galles ed un dottorato sui trilobiti del Devoniano Britannico. Il suo percorso grazie ad una notevole forza di spirito e dopo molti ostacoli incontrati durante il suo cammino professionale, lo ha portato ad occupare un invidiabile posto di Principale Curatore scientifico presso il Natural History Museum and Art Gallery in Birmingham. Infaticabile ricercatore e rinomato collezionista, ha studiato siti paleontologici in Francia, Scagna, Germania, Portogallo, Svezia, Estonia, Marocco, Canada ed USA, pubblicando numerosi lavori sulle Monografie of the Palaeontological Society of London ed ha pubblicato articoli sui trilobiti per l’Open University Geological Society.

 

Sinclair Stammers, già coautore con Pete Lawrance del libro “Trilobites of the World”, Siri Scientific Press (2014), ha collaborato a lungo con l’Imperial College nel Dipartimento di Biologia come fotografo scientifico delle collezioni. Oltre alla stretta collaborazione con Kennedy e Lawrance, attualmente sta sviluppando nuove tecniche fotografiche per l’acquisizione fotografica di organismi microscopici.

***

Kennedy, R., Stammers, S., (2018). Trilobites of the British Isles. Siri Scientific Press, 384pp.

Lingua: Inglese ISBN-10: 0995749612 ISBN-13: 978-0995749610

Bellissima recensione Grazie Enrico... si le zonazioni stratigrafiche sono molto utili per le terminologie usate nelle Isole Britanniche

Jul 12, 2018

Molto molto interessante... se volete aggiungere il mio Ogyginus Valexii sono sempre disponibile a mostrarvi una foto visto che ora non è più con me (grazie a dio...)

New Posts
  • Proviamo a riesumare questo Forum con una discussione interessante. Come alcuni di voi sapranno sto cercando materiale informativo su Nectocaris.... Postatemi e linkatemi qui sotto tutto il materiale che avete informativo...così che creo un database che mi sarà utile per il lavoro di 3D. Non riesco a trovare questa pubblicazione: Conway Morris, S. 1976: Nectocaris pteryx, a new organism from the Middle Cambrian Burgess Shale of British Columbia. Neues Jahrbuch fu¨r Geologie und Palaeontologie, Monatshefte 12, 703– 713. idee? queste sono già in mio possesso: (Martin & Caron, 2010), (Martin, 2013) and (Mazurek& Zaton, 2011)
  • A BURGESS SHALE PRIMER - HISTORY, GEOLOGY, AND RESEARCH HIGHLIGHTS Interessante testo di Dave Rudkin illustrante il famoso livello fossilifero che ha dato alla luce le meravigliose faune di #Burgess Shale, Canada; l'articolo fa parte del Field Trip Companion Volume edito nel 2009 in occasione del centenario della scoperta di questo sito da parte di C.D. Walcott (nel 1909, ovviamente). Per chi ha accesso alla piattaforma Academia lo puo' trovare di seguito, altrimenti contattatemi per avere la copia: https://www.academia.edu/1471115/The_Mount_Stephen_Trilobite_Beds?source=swp_share
  • Articolo pubblicato un paio di anni fa su una nuova specie di "aglaspid-like" rinvenuto nel celebre lagerstätte del Cambriano, Serie 2, Stage 4 di Emu Bay (sud Australia). Non possiede le caratteristiche tipiche degli #Aglaspidi, ne dei #Cheloniellida. Gli autori lo inseriscono all'interno ei Vicissicaudata, clade che raggruppa gli Aglaspidida, Cheloniellida e un gruppo definito come Xenopoda; In quest'ultimo gruppo, cui sono inseriti Sidneya ed Emeraldella , viene introdotto questo nuovo euartropode, # Eozetetes gemmelli . Abstract: A new euarthropod from the Emu Bay Shale (Cambrian Series 2, Stage 4) on Kangaroo Island, South Australia, is a rare component of this Konservat-Lagerstätte. The two known specimens of Eozetetes gemmelli gen. et sp. nov., in combination, depict a non-biomineralized euarthropod with a relatively short cephalic shield lacking dorsal eyes and bearing a flagelliform antenna, 18 trunk segments with broad tergopleurae and paired axial nodes/carinae, and an elongate, styliform tailspine. The new species compares most closely with taxa in the putative clade Vicissicaudata, which groups Aglaspidida, Cheloniellida and Xenopoda. A ring-like terminal tergite in E. gemmelli corresponds to the caudal tergite in cheloniellids and xenopodans. Incorporating Eozetetes into recent character sets for Cambrian euarthropods supports close affinities to either Emeraldella or to aglaspidids, but several plesiomorphic character states are inconsistent with membership in Aglaspidida sensu stricto. Eozetetes is among the earliest of various Cambrian taxa informally referred to as ‘aglaspidid-like euarthropods’. Link verso pubblicazione: https://doi.org/10.1017/S0016756815001053 Una discussione su cosa sono gli aglaspidi la potete ritrovare qui: https://www.trilobiti.com/forum/paleozoic-area/gli-aglaspidi

Trilobites on sale

  • Facebook - Grey Circle
  • Twitter - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle

Other Fossils on sale

Books and equipment

Info

Trilobite Design Italia NON vende fossili Italiani.

In Italia è vietato il commercio e la vendita di fossili provenienti dal territorio dello Stato in quanto ritenuti beni culturali e rientranti nei beni tutelati dalla normativa n.1089 dd 1 Giugno 1939 e la nostra azienda NON commercia questi campioni. La presente ditta TDI di Gianpaolo Di Silvestro esclude nella totalità qualsiasi campione fossile d’origine paleo-antropologica. In accordo con la legge Italiana tutti i fossili sono importati ed esportati regolarmente.

Tutti i prezzi del sito sono da intendersi IVA compresa la fattura commerciale sarà allegata alla merce spedita

All prices are VAT included

Trilobite Design Italia and Scientificmodels are website made by Di Silvestro Gianpaolo Aurisina TS  ITALY P.I 01265210326