Feb 2, 2017

Esporre la collezione

14 comments

Ovvero, che tipo di scaffalature, vetrine, teche ecc. trovate più adatto alla conservazione ed esposizione dei vostri pezzi? A casa mia si sono sempre usati degli armadi metallici con ante a vetrina scorrevoli. Pesanti, certamente robusti, ma bruttini e poco luminosi (parlo di illuminazione "naturale", non dell'impianto elettrico montato all'interno)

Quei cosi qua, per intenderci....

Avendo dovuto sbaraccare e spostare la collezione potete immaginare lo sbattimento. Infatti, l'unico che sono riuscito, per ora, a riorganizzare è questo, che mi va dal precambriano all'ordoviciano. Tra l'altro imbarcano anche un sacco di polvere, nonostante i tentativi di sigillatura con i nastri adesivi di gommapiuma. Visto che in un paio di post si accennava a vetrine IKEA, a teche stagne sotto azoto ecc. volevo sentire un po' che soluzioni avete escogitato per i vostri sassolini (o altro).

So che molti sono fan delle cassettiere, sono sicuramente pratiche, ma a me non piacciono.Preferisco avere tutto a portata d'occhio.

 

Allora Lore bella discussione...partiamo dal primo punto e cioé:

Che scopo deve avere la mia vetrina e cosa devo esporre?

Prima però di rispondere alla tua domanda ti racconto la mia situazione: Ai tempi del "collezionismo" mi ero fatto disegnare dalla mia mamma (architetto) un bel mobile in legno in stile moderno con dei ripiani robusti.... da 0.8 mm in vetro temperato ....quello che volevo era fondere un oggetto di arredo con la mia collezione.... la sua funzione era prettamente estetica e avevo poche decine di pezzi molto scenici. Tutto il resto era classificato ed etichettato in una cassettiera....Quindi situazione pregressa...NON mi interessava molto la polvere ma basavo tutto sull'estetica della vetrina e dei fossili...

 

Quindi niente ikea, niente vetrine industriali ma disegno su misura...che poi non è costato cifre iperboliche come si può pensare con misure notevoli: H 220x120x80 (anche molto capiente)...ora ci sono i libri di cucina della mia signora.... ;(

 

Passiamo alle necessità colelzionistiche che potrei suddividere a mio giudizio in Hard/medium/soft

 

Situazione collezionista (hard) l'esposizione diventa il nocciolo.... della questione...devi poter vedere almeno a 180° (quindi tre lati), ripiani robusti, con luci integrate e possibilmente con parapolvere. Se le vetrine poi vorranno essere riutilizzate o esposte in un luogo aperto al pubblico i vetri devono essere AISI, temperati e possibilmente con lucchetto....Come ben sai sono distributore di una linea di vetrine che a mio parere sono il top...presentano il miglior rapporto qualità/prezzo...ma comunque sono per uso professionale....ma mia considerazione (del tutto personale) spendi bene ed una volta e ti restano per sempre..... I fossili ne guadagnano sia in estetiche che in valore...costa lo sò ma sono modulabili...cioé le puoi adattare alle tue esigenze....hanno ripiani e scomparti, possono reggere notevoli carichi ed un fossile ne trae sicuramente vantaggio...Se hai una collezione seria è anche piu facile inventariare e tenere sotto controllo lo stato dei reperti.fig 1)

 

 

 

fig 1) vetrine modulari di notevole pregio...e molto comode...led integrati e cassettiere .... in alluminio anodizzato...leggere e robuste, ampia visuale e parapolvere integrato.

 

 

Situazione collezionista (medium) l'esposizione è importante ma i soldi in scarsella non bastano e allora vai di Ikea che a fronte di un prezzo medio offre dei buoni compromessi....vetrina con chassis in legno e abbastanza robuste....belle da vedere....il neo sono la polvere e l'impossibilità di vedere bene i reperti...le scocche sono pesanti e non create per risaltare il fossile...Nascono come mobili credenze da cucina....i ripiani però sono molto stabili. (le foto sono solo da esempio...ne esistono decine di tipi...dal costo che varia dai 200€ ai 499€)

fig 2) mobile in legno da catalogo Ikea

 

Situazione collezionista (soft) classica vetrina Ikea...da 59,99 che però ha notevoli svantaggi...i ripiani non sono molto stabili, non puoi caricarci una mole di fossili e bla bla bla... ma insomma tutti abbiamo avuto una vetrina ikea quindi sappiamo i pregi e i difetti...ottime per una esposizione temporanea ma nulla di più.... costano poco valgono poco... poi io l'ho usata per anni...ma NO non ci metterei dentro il mio Quadrops phylonyx in presenza di bambini che possono travorgerla....

 

 

 

Uno dei problemi che quasi mai nessuno valuta è anche il costo dei materiali impiegati nella realizzazione delle vetrine. Per esperienza personale consiglio sempre vetrine con scocche in alluminio anodizzato e vetro 2+2 temperato con parapolvere. Hanno notevoli vantaggi:

  • leggere

  • molto robuste

  • led a luce fredda integrati

  • facilità di trasporto

  • costi abbordabili e non esagerati

I mobili in legno o con strutture in legno o sono in compensato marino o niet.... il truciolare, il multistrato ecc... piano piano si disfano e valgono 0.

Il legno è un materiale vivo si muove e come è giusto che sia si dilata e si accorcia risente di umidità, funghi ecc... (Tu hai avuto modo di vederle...e sai dove....quelle le avevo disegnate e progettate io...considera che quei cassetti hanno i montanti della Blum e ogni cassetto regge 300 kg, struttura in compensato marino verniciato a polvere, niente viti ma incastri a coda di rondine...da notizie certe sono ancora lì che resistono...avevamo fatto un buon lavoro...ma erano costate 2500€ cad.)

 

Quindi dopo questa tiritera quale è la vetrina migliore? Tutte e nessuna dipende....dipende da cosa vuoi ottenere dai tuoi fossili....Sicuramente u fossile ben esposto diventa padrone della scena anche da un punto di vista estetico...però il budget diventa prioritario...bisogna capire quale è l'utilizzo a 10-20-30 anni di quello che andiamo a comperare.

Io ho detto la mia.....che chiaramente non è la verità assoluta ma si basa sulel mie esperienze.

P.s un sacco di musei pensando di risparmiare hanno comperato catafalchi impressionanti fatti su misura...che si sono rivelati dei FLOP...Vale sempre il solito detto meglio poco ma buono....

 

 

 

Feb 3, 2017

MA quante belle cose che intravedo li dentro! :-)

Io ho optato (ma non ne sono soddisfatto e vorrei fare degli updates presto) per le classiche vetrine ikea a colonna (Detolf, 50€), che pero' contengono pochi pezzi e non hai una sufficiente profondità per mettere più pezzi (che devono essere anche leggeri); Cosa positiva è che hai una visione completa dato che tutta la struttura è in vetro (ma oh! quanto delicata mi sembra). Ha il suo estetismo se ci metti dentro uno, due tre, pezzi per piano (max) e di un certo valore estetico.

Ho un armadio sempre ikea di questo tipo (ma con vetri laterali):

Carino, ma dal sovraffollamento prima del trasloco ora ci ho messo meno pezzi. La nemica polvere ci sta sempre, sempre solita storia.

Onde evitare di sovraffollare lo spazio limitato che ho, ho optato per tre cassettiere (pratiche si ma come dici tu i pezzi sono celati agli occhi).

La parte interessante delle cassettiere è che i pezzi sono a piatto, facili da posizionare, consultare ed eventualmente (ma non fatto) con una illuminazione a led interna si riesce ancora a ben gestire. Dentro ho messo i pezzi che sono meno estetici (ma non per questo meno importanti). Dipende sempre dal tipo di collezione che pratichi.

Per me un SSF (small shelly fossil) del Cambriano inferiore della Cina ha una sua rilevante importanza, ma non si vede nulla se non al microscopio, quindi non ha neppure interesse a metterlo in vetrina.

Da questo punto di vista capisco le collezioni museali che hanno un centesimo in esposizione ed il resto correttamente classificato dentro armadi.

Ho visto da un collezionista belga che lui aveva utilizzato le vetrine Kewlox (https://www.kewlox.eu) con vetro davanti e non il classico tavolaccio di legno composito; Il risultato non è decisamente male. Sul sito ti puoi personalizzare anche la vetrina in funzione del bisogno:

Ovvio che i prezzi variano se fai in vetro (non è il prezzo visibile in questa immagine) o in legno.

Le vetrine di Gianpaolo (che ha illustrato sopra) e che ho visto in fiera sono anche loro eccezionali, ma "high standing" e se vuoi farti qualcosa di voluminoso (e bello e per sempre) e che possa contenere tutti i tuoi beni, devi investirci parecchi dindini; ovvio che il risultato oltrepassa le vetrinette ikea.

Giusto per dare dei prezzi a Braccio delle vetrine sopra citate (alluminio, sistema antipolvere, non a led integrati ma con spot di dimensioni 99 x 42,5 x 184,5 tutto vetro a norma siamo sui 600 (iva inclusa) + trasporto. Quella grande con le cassettiere per singolo pezzo siamo circa...perchè poi devo sapere bene le misure...sui 1500-1600 (piu trasporto) vi sto dando dei prezzi a braccio....il preventivo devo farlo su misura ma era per dare dei range di costi....

Feb 4, 2017

Lorenzo, ecco alcuni esempi di vetrine e le applicazioni per scopi collezionistici, come discusso nei post precedenti:

Vetrina a colonna. Con illuminazione a spot di serie. Ha un suo estetismo se non riempita a dismisura; ovvio che c'è spazio solo per alcuni campioni e null'altro.

I pezzi più voluminosi che non possono trovare posto in vetrine "normali" possono essere piazzati sul ripiano di un mobile. Con un'illuminazione ben orientata si possono evidenziare le strutture che si desiderano. Ma da spolverare periodicamente.

Durante una mia visita al museo di Scienze Naturali di Bruxelles mi incuriosivano alcuni fossili esposti che avevano tutti lo stesso colore grigio e non erano semplici cast. Era invece uno strato di polvere che "appiattiva" tutto. Da non credere.

Il classico armadio a vetrina che si può "popolare" sino ad un certo punto. Una illuminazione a led sarebbe ottimale in questo contesto ed a Ikea ci sono bande da 1m di led che si possono inserire e fissare facilmente per illuminare a dovere i campioni. Occhio che i ripiani in vetro, sebbene in vetro temperato, sono sempre di... vetro. Anche qui col tempo la polvere si manifesta quando si passa il ditino sul ripiano di vetro.

...e queste sono le classiche cassettiere che permettono di mettere gli esemplari a piatto e sono sufficientemente profonde per poter ospitare un buon numero di esemplari. Ovvio che non sono a portata di vista, ma facilmente accessibili e si possono sovrapporre una sull'altra per poter avere più spazio in casa se necessario.

Ho provato l'illuminazione led apposita per le detolf Ikea ( barrette gia' a misura ripiano) ma si sono rivelate deludenti. Conosco bene l'effetto appiattente della polvere...Per anni la collezione ha soggiornato in ufficio, dove si andava avanti ed indietro portandosi tutta la polvere dell'officina, puoi immaginare.

 

per la polvere c'e solo una soluzione .....le vetrine antipolvere...non c'e niente da fare...:)

Feb 5, 2017

Per organizzare la mia collezione, dopo la sistemazione (che tarda ad arrivare) di tutti i pezzi che per ora riempiono molti scatoloni in garage, anche io ragionavo su quale fosse il metodo di esposizione più ottimale.

 

 

Ovviamente l' Ikea è sempre una delle soluzioni più facili, ma guardando i vari modelli disponibili non ho trovato nulla che mi convincesse al 100%

(Pure io ho due Detolf, ma non per i fossili e voi avete già descritto i vari contro di questo modello)

 

Per un mobile fatto su misura (circa h200x35x300,non ricordo precisamente) eravamo sui 2000 eu, mi piaceva l'idea di un'esposizione all'antica, poi abbandonata per una scelta più pratica...

 

Per una vetrina h200x30x120 con porte scorrevoli, senza illuminazione, a norma (mi hanno detto che non possono non farla temperata per normativa...mah??), 4 ripiani da 6mm più un altro non in vetro che divideva a metà la struttura , in pratica simile a quella postata da Gianpaolo, un vetraio mi aveva fatto un preventivo di 800 euro.

 

Perciò mi ritengo fortunato nell'aver scovato queste vetrine nel Mercatopoli di un paese poco distante a 190 eu cad.

 

 

 

 

Difetti:

- un po di ammaccature qua e la ma nulla di grave

- alcuni ripiani mancanti ma fatti fare su misura per 15eu da 8 mm (monta da 6mm) non temperati

-alcune lampadine/trasformatori andati, sostituiti con poche decine di eu

- vetri non temperati quindi impossibilità di essere esposte al pubblico

- supporti per ripiani introvabili per ora, la ditta credo sia fallita (mi sto muovendo per farli fare da zero)

Sono questi:

 

 

 

 

 

Pregi:

- con ruote quindi facilmente trasportabili

- prezzo contenuto

- illuminate

- possibilità di aggiungere ripiani e regolarli a piacere

- vista e 3 lati

 

Probabilmente non riusciranno mai a tenere su tutto quel popo di roba che hai nei tuoi armadi Lorenzo...e in effetti mi sono sempre chiesto fino a quanto si possa osare nel caricare ripiani in vetro, Gianpaolo hai qualche numero che possa far chiarezza a riguardo?

 

 

Ps Scusate le foto così grandi...

 

 

 

Diego un paio di note... le ruote sono un problema nel punto di innesto con la vetrina---> punto piu debole sostituiscile con dei piedini.... per il carico del vetro bene aver aumentato lo spessore stanso pero attento al carico.... una buona regola vuole di non caricare piu di 25-30 kg a ripiano ma questo dipende anche dai supporti...se la vetrina era concepita es.negozio di bomboniere... rischi un disastro... quindi valuta bene di sostituire i vetri con un 3+3 accoppiati o un 4+4 sono piu costosi ma non flettono... e cerca di capire se puoi allungare i perni....

Feb 5, 2017

Alla fragilità dell'innesto delle ruote proprio non avevo pensato, molto probabilmente riesco a toglierle e far appoggiare la vetrina direttamente al pavimento.

 

I supporti pensavo anche io ad allungarli di qualche cm per dare più stabilità...

solleva la vetrina con dei piedini...li trovi anche al brico a 5 € ma sollevala...e si rendi i perni piu stabili.... ;) p.s martellatore arrivato e si...si attacca come pensavo domani lo provo e ti so dire... ;)

Feb 5, 2017

Ottimo grazie !!!

 

Feb 14, 2017

Bella discussione....belle foto....belle proposte e idee!!

Per Gianpaolo: i tuoi prezzi non sono affatto male contando che la fattura è senz'altro di qualità. Occorre però avere a disposizione un ambiente definitivo per impostare un'esposizione con le tue belle e curate vetrine. Ne terrò senz'altro conto. (Mi piace anche l'idea delle tre vetrine accostate con quella di mezzo senza cassettiere..)

Da Diego invece ecco un'altra interessante soluzione per una collocazione temporanea o di primo impiego dei ns sassi. Vetrine vendute nei negozi Mercatopoli che pongono in vendita prodotti e aggetti tenuti discretamente ma usati. Bell'idea!

Con Ikea salvi il prezzo ma devi stare attento al peso di ciò che esponi e se la polvere entra nei loro armadi figuriamoci nelle vetrine di vetro!

 

PS per avere le notifiche di una o più discussioni, bisogna registrare la propria adesione o c'è un meccanismo più veloce per farlo? (grazie)

Feb 21, 2017

Io uso delle Billy IKEA dove tengo i libri ed alcune Kallax montate assieme, devo ancora finirla, pensavo di mettere da un lato un pezzo di plexiglas trasparente, dall'altro delle finestrelline sempre il plexiglas per "aprire" il cassettino. Per quello che riguarda le luci ce ne sono di molto carine e potenti da montare anche con le viti sempre dell'Ikea, non quelle in gruppi da 2 (ci sono anche quelle ma i magneti tendono a cedere quindi rischiate che vi caschino sui pezzi e di conseguenza che scendiate di uno scalino verso l'inferno per le bestemmie...) e se non erro si chiama STOTTA. Per ora davanti ho una tendina e dietro è vuoto... ma ce la faremo...

New Posts
  • Ciao a tutti, e benvenuti in questi post. Chiedo a coloro che hanno già acquisito una certa esperienza nella preparazione di fossili qualche consiglio per effettuare un incolaggio il più preciso possibile di un trilobite fratturato in sezione. Grazie mille a chi vorrà aiutarmi.
  • Il solito dilemma: Come calcare un fossile senza rovinarlo? Oggi cerchiamo di darvi una risposta esauriente, veloce e tecnicamente utile. Premessa fondamentale: Esistono diverse gomme siliconiche, con diverse caratteristiche e con diversi gradi di durezza ed elasticità. Oggi per semplicità andremo ad analizzare la Gomma siliconica bicomponente Prochima RTV-530 presente nel nostro shop che ha 3 caratteristiche a mio parere eccezionali: é una gomma Atossica catalizza molto velocemente ( meno di 10 minuti) ha pochissimo silicone liquido nella mescola...e poi vi spiegherò quali sono i vantaggi. Andiamo ad osservare subito il prodotto: La gomma RTV-530 che ricordo essere un silicone in pasta per poliaddizione bicomponente è una gomma siliconica per calcaggio di buona / ottima resa del tutto atossica e manipolabile anche da non esperti del settore.. (insegnanti e bambini) I prodotti sono disponibili nelle confezioni da 200 gr 500 gr e 1 kg (altri formati su richiesta) e si mescolano in parti uguali 1:1 Le caratteristiche principali come da scheda tecnica sono: Colore: rosa chiaro. Pot-life a 23°C: 3 minuti. Tempo di indurimento a 30°C: 5 minuti. Durezza Shore A, 10 min. (ASTM D 2240/C): 30 punti. (campione h = 6 mm) Durezza Shore A, 24 ore (ASTM D 2240/C): 35 punti. (campione h = 6 mm) Allungamento a rottura: 150% Resistenza a trazione (MPa, ASTM): 1,6±0,3 Resistenza a lacerazione (kN/m, ASTM): 7,0±1,0 Ma il pregio più importante che questa gomma possiede è la capacità di macchiare poco o quasi nulla il campione calcato. Nella foto successiva è presente un campione paleontologico su cui abbiamo testato nella parte posteriore diversi siliconi: la freccia rossa vi mostra un comune silicone per colata e nel riquadro verde il trascurabile alone lasciato dalla RTV 530. Questa gomma ha davvero buone ottime caratteristiche per copiare materiali di pregio! Ma come si utilizza? Molto semplice! Prelevare da entrambi i contenitori i due componenti in parti uguali, mescolarli accuratamente e applicarli sulla superficie da calcare evitando di lasciare bolle d'aria e fessure non coperte dalla mescola. aspettare la catalisi....(normalmente bastano 10 minuti ma suggerisco di aspettare almeno 30 minuti per assicurarsi una buona asciugatura) et voilà il calco è pronto per poi essere riempito di gesso, resina o quello che volete... ATTENZIONE però: la reazione di reticolazione della RTV-530 (reazione per poliaddizione) può essere inibita dai seguenti prodotti: sali di metalli pesanti; ammine; Zolfo; Indurenti di resine epossidiche La gomma siliconica RTV-530 è del tipo per addizione. Queste gomme, contrariamente a quelle per condensazione, richiedono particolari attenzioni in quanto non tollerano alcune sostanze che ne inibiscono la catalisi. In primo luogo mai usare attrezzi e contenitori stati usati con le normali gomme per condensazione: i due tipi sono assolutamente incompatibili ed il minimo contatto è capace di impedire la catalisi. Bisogna inoltre fare attenzione che i master che si utilizzano come modello non contengano anche in minima traccia di gomme e catalizzatori del tipo per condensazione, tutti i prodotti che contengono anche minime tracce di zolfo e derivati (es: PVC), colle polineopreniche, resina, stucchi e mastici a base poliestere, plastiline a base non cerosa e stucco da vetro, PVC, stagno e metalli pesanti, ammine e gomma naturali e sintetiche. In definitiva per i nostri fossili non c'è nessun problema e potete usarle tranquillamente! Vi ricordo che sono Atossiche e prive di allergeni quindi indicate per l'uso in campo didattico e museale! ma si possono calcare anche oggetti più grandi? certo che sì....nella foto alcune impronte che abbiamo calcato per il Museo di Storia Naturale di Bolzano Purtroppo non avendo l'autorizzazione non posso mostrarvi l'originale e la sua copia, ma fidatevi che è uscita bene... :) vi ricordo quì sotto il link per acquistare la nostra gomma siliconica: https://www.trilobiti.com/product-page/rtv-530
  • Siamo stati assenti un poco lo sò...ma gli impegni sonon tanti e il tempo di scrivere davvero poco...volevo però mostrarvi questo gioiello che è appena stato ultimato dal Super david Comfort, uno dei Migliori preparatori di fossili in circolazione. Non mi credete? guardate cosa è riuscito a tirar fuori da questo blocco del peso di 35 kg!

Trilobites on sale

  • Facebook - Grey Circle
  • Twitter - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle

Other Fossils on sale

Books and equipment

Info

Trilobite Design Italia NON vende fossili Italiani.

In Italia è vietato il commercio e la vendita di fossili provenienti dal territorio dello Stato in quanto ritenuti beni culturali e rientranti nei beni tutelati dalla normativa n.1089 dd 1 Giugno 1939 e la nostra azienda NON commercia questi campioni. La presente ditta TDI di Gianpaolo Di Silvestro esclude nella totalità qualsiasi campione fossile d’origine paleo-antropologica. In accordo con la legge Italiana tutti i fossili sono importati ed esportati regolarmente.

Tutti i prezzi del sito sono da intendersi IVA compresa la fattura commerciale sarà allegata alla merce spedita

All prices are VAT included

Trilobite Design Italia and Scientificmodels are website made by Di Silvestro Gianpaolo Aurisina TS  ITALY P.I 01265210326