Jan 14, 2017

e già che si parla di uova...Triarthrus!

23 comments
Jan 16, 2017

e mettiamoci anche qualche immagine tratta dalla pubblicazione:

Abstract: Despite a plethora of exceptionally preserved trilobites, trilobite reproduction has remained a mystery. No previously described trilobite has unambiguous eggs or genitalia preserved. This study reports the first occurrence of in situ preserved eggs belonging to Triarthrus eatoni (Hall, 1838) trilobites from the Lorraine Group in upstate New York, USA. Like other exceptionally preserved trilobites from the Lorraine Group, the complete exoskeletons are replaced with pyrite. The eggs are spherical to elliptical in shape, nearly 200 μm in size, and are clustered in the genal area of the cephalon. The fact that the eggs are smaller than the earliest-known trilobite ontogenetic (protaspis) stage suggests that trilobites may have had an unmineralized preliminary stage in their ontogeny, and that the protaspis shield formed only after hatching. The eggs are only visible ventrally with no dorsal brood pouch or recognized sexual dimorphism. The location of the eggs is consistent with where modern female horseshoe crabs release their unfertilized eggs from the ovarian network within their head. Trilobites likely released their gametes (eggs and sperm) through a genital pore of as-yet unknown location (likely near the posterior boundary of the head). If the T. eatoni reproductive biology is representative of other trilobites, they spawned with external fertilization, possibly the ancestral mode of reproduction for early arthropods. Because pyritization preferentially preserves the external rather than internal features of fossils, it is suggested that there is likely a bias in the fossil record toward the preservation of arthropods that brood eggs externally: arthropods that brood their eggs internally are unlikely to preserve any evidence of their mode of reproduction.

Jan 17, 2017

Wow che colpo! Vedo che all'interno dell'abstract si fa riferimento agli xifosuri, come mai? Differisco dalle trilo già dal phylum... insomma son parenti o no? :-D

Jan 17, 2017

La posizione delle uova non fertilizzate degli attuali Limulus femmina, occupano lo stesso spazio occupato dalle uova del Triarthrus piritizzato, cioè sotto il cephalon.

Come non vedere dei piccoli trilobiti nelle loro uova? Immagine tratta da https://thesmallermajority.com/2013/05/14/

E qui? Delle morfologie in controluce che ricordano le ancestrali Parvancorine (dell'Ediacarano) o Primicaris del Chengjiang Biota (Cambriano inferiore). Immagine tratta da qui.

Jan 17, 2017

Si ma anche secondo me ci assomigliano non poco. Mi sembra strana una separazione così netta, addirittura a livello di phylum. Ste foto sono spettacolari mamma mia

Jan 17, 2017

Sempre artropodi sono in fondo. Poi l'evoluzione li ha comunque portati ad assumere morfologie e posizioni sistematiche quantomeno differenti. A differenza dei limuli, i trilobiti avevano scheletro calcificato, occhi compositi e con lenti in calcite/aragonite, linee di sutura, triarticolazione del corpo)... In questa tavola che avevo pubblicato sul mio libro c'e' la direzione presa dai limuli ed i trilobiti.

La separazione tra i Trilobita ed i Chelicerata (cui il Limulus appartiene) è avvenuta nel Precambriano:

 

Jan 17, 2017

Markus Martin ha appena pubblicato su FB che avrà alcuni di questi campioni in esposizione a Tucson...Peccato non esserci! Magnifiche le foto dei baby limulus!

Jan 17, 2017

Ho visto! Chiederemo a Gianpaolo di farci delle foto decenti con la macro :-)

L'ontogenesi che riepiloga la filogenesi......a proposito delle Parvancorine e dei baby lymulus....

Jan 30, 2017

E come non condividere queste due estreme "grandi bellezze" in vendita sul sito di Markus Martin? Cerchiate in rosso le famose uova soggetto della pubblicazione che Lorenzo ha condiviso più in alto.

 

Se avete il budget, o solamente per rifarvi gli occhi dinnanzi questi trilobiti eccezionalmente ben conservati, non esitate ad esplorare questi bellissimi Triarthrus eatoni piritizzati in posizione ventrale: http://www.gold-bugs.com/ventral-specimens

Le antenne, le zampe con le gnathobasi, la posizione occupata dall'ipostoma... tutto è estremamente ben conservato in questo unico lagerstätten.

Jan 30, 2017

uova a parte...ma quanto è carino quello semi appallottolato?

lore tu ne hai alcuni li posti? poi nel tempo come sta procedendo la piritizzazione?

Jan 31, 2017

Li ho da un paio d'anni. Hanno perso lucentezza ma sono integri. Poi metto le foto

si stanno scurendo non è vero? ;( questo è il piu grosso problema di sti aggeggini..... ;(

Jan 31, 2017

"ma che belle gnatobasi che hai" disse Cappuccetto Rosso....

lore per sti aggeggini bisogna fare una teca in vetro e metterci azoto..... ;)

Jan 31, 2017

lo so, ma diventano molto più voluminosi, meno maneggiabili ed osservabili....invece di mettere azoto basterebbe eliminare ossigeno? perchè quello lo si fa facile con le bustine apposite di micropolvere di ferro, e poi si tengono sotto controllo con gli adesivi che cambiano colore con l'ossigeno....

Anche le ambre trarrebbero gran giovamento dallo stesso trattamento.

New Posts
  • Proviamo a riesumare questo Forum con una discussione interessante. Come alcuni di voi sapranno sto cercando materiale informativo su Nectocaris.... Postatemi e linkatemi qui sotto tutto il materiale che avete informativo...così che creo un database che mi sarà utile per il lavoro di 3D. Non riesco a trovare questa pubblicazione: Conway Morris, S. 1976: Nectocaris pteryx, a new organism from the Middle Cambrian Burgess Shale of British Columbia. Neues Jahrbuch fu¨r Geologie und Palaeontologie, Monatshefte 12, 703– 713. idee? queste sono già in mio possesso: (Martin & Caron, 2010), (Martin, 2013) and (Mazurek& Zaton, 2011)
  • A BURGESS SHALE PRIMER - HISTORY, GEOLOGY, AND RESEARCH HIGHLIGHTS Interessante testo di Dave Rudkin illustrante il famoso livello fossilifero che ha dato alla luce le meravigliose faune di #Burgess Shale, Canada; l'articolo fa parte del Field Trip Companion Volume edito nel 2009 in occasione del centenario della scoperta di questo sito da parte di C.D. Walcott (nel 1909, ovviamente). Per chi ha accesso alla piattaforma Academia lo puo' trovare di seguito, altrimenti contattatemi per avere la copia: https://www.academia.edu/1471115/The_Mount_Stephen_Trilobite_Beds?source=swp_share
  • Articolo pubblicato un paio di anni fa su una nuova specie di "aglaspid-like" rinvenuto nel celebre lagerstätte del Cambriano, Serie 2, Stage 4 di Emu Bay (sud Australia). Non possiede le caratteristiche tipiche degli #Aglaspidi, ne dei #Cheloniellida. Gli autori lo inseriscono all'interno ei Vicissicaudata, clade che raggruppa gli Aglaspidida, Cheloniellida e un gruppo definito come Xenopoda; In quest'ultimo gruppo, cui sono inseriti Sidneya ed Emeraldella , viene introdotto questo nuovo euartropode, # Eozetetes gemmelli . Abstract: A new euarthropod from the Emu Bay Shale (Cambrian Series 2, Stage 4) on Kangaroo Island, South Australia, is a rare component of this Konservat-Lagerstätte. The two known specimens of Eozetetes gemmelli gen. et sp. nov., in combination, depict a non-biomineralized euarthropod with a relatively short cephalic shield lacking dorsal eyes and bearing a flagelliform antenna, 18 trunk segments with broad tergopleurae and paired axial nodes/carinae, and an elongate, styliform tailspine. The new species compares most closely with taxa in the putative clade Vicissicaudata, which groups Aglaspidida, Cheloniellida and Xenopoda. A ring-like terminal tergite in E. gemmelli corresponds to the caudal tergite in cheloniellids and xenopodans. Incorporating Eozetetes into recent character sets for Cambrian euarthropods supports close affinities to either Emeraldella or to aglaspidids, but several plesiomorphic character states are inconsistent with membership in Aglaspidida sensu stricto. Eozetetes is among the earliest of various Cambrian taxa informally referred to as ‘aglaspidid-like euarthropods’. Link verso pubblicazione: https://doi.org/10.1017/S0016756815001053 Una discussione su cosa sono gli aglaspidi la potete ritrovare qui: https://www.trilobiti.com/forum/paleozoic-area/gli-aglaspidi

Trilobites on sale

  • Facebook - Grey Circle
  • Twitter - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle

Other Fossils on sale

Books and equipment

Info

Trilobite Design Italia NON vende fossili Italiani.

In Italia è vietato il commercio e la vendita di fossili provenienti dal territorio dello Stato in quanto ritenuti beni culturali e rientranti nei beni tutelati dalla normativa n.1089 dd 1 Giugno 1939 e la nostra azienda NON commercia questi campioni. La presente ditta TDI di Gianpaolo Di Silvestro esclude nella totalità qualsiasi campione fossile d’origine paleo-antropologica. In accordo con la legge Italiana tutti i fossili sono importati ed esportati regolarmente.

Tutti i prezzi del sito sono da intendersi IVA compresa la fattura commerciale sarà allegata alla merce spedita

All prices are VAT included

Trilobite Design Italia and Scientificmodels are website made by Di Silvestro Gianpaolo Aurisina TS  ITALY P.I 01265210326