Dec 21, 2016

Mud cracks su Marte

13 comments

Edited: Dec 21, 2016

Una serie di fantastiche immagini di probabili mud cracks sono state acquisite dal rover Curiosity pochi giorni fa sul suolo di Marte.

Testimonianza ulteriore della presenza di liquidi sulla superficie del pianeta rosso qualche miliardo di anni fa. Impressionante come tutto si sia conservato intatto come se il processo di disseccamento fosse avvenuto la stagione secca scorsa...

( This image was taken by Mastcam: Left (MAST_LEFT) onboard NASA's Mars rover Curiosity on Sol 1553 (2016-12-18 20:29:02 UTC). Image Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Link verso il sito della NASA: http://mars.jpl.nasa.gov/msl/multimedia/raw/?rawid=1553ML0079770040604750E01_DXXX&s=1553

Ma quindi la composizione del suolo Marziano è composto anche di argille e minerali idrati ? sono totalmente a digiuno di astronomia quindi scrivo da ignorantone....

Dec 21, 2016

Ho preso spunto dall'articolo per andare a curiosare un attimo in giro; lascio qui questo per ora :

http://www.nature.com/ngeo/journal/v8/n11/full/ngeo2546.html

dove si cerca di spiegare un attimo il fenomeno della formazione di queste "linee di umido" sulla superficie di Marte che risultano periodiche, presumibilmente nelle stagioni calde.

Argilla, acqua... dai cosa manca ancora? Dove sono i miei fossili marziani??!?!?

Dec 21, 2016

Quello che è stato rinvenuto attualmente su Marte e che sembra abbia presumibilmente creato quelle linee scure stagionali lungo i versanti è una brina di perclorati di sodio e magnesio (perclorati: https://it.wikipedia.org/wiki/Perclorato) misti con acqua. L'estrema elevata concentrazione di questi sali in queste giustappunto brine difficilmente puo' creare le condizioni per lo sviluppo di forme di vita. Sulla terra nel deserto dell'Acatama ci sono le sole condizioni note per lo sviluppo di brine che ospitano comunità microbiche , vedi in:

  • Davila, A. F. et al. Facilitation of endolithic microbial survival in the hyperarid core of the Atacama Desert by mineral deliquescence. J. Geophys. Res. 113, 2005–2012 (2008).

  • Davila, A. F., Hawes, I., Ascaso, C. & Wierzchos, J. Salt deliquescence drives photosynthesis in the hyperarid Atacama Desert. Environ. Microbiol. Rep. 5, 583–587 (2013).

Ciononostante non si escludono ancora a priori l'assenza di forme di vita elementari sotto la superficie del pianeta... ah se si trovassero delle stromatoliti!

Dec 22, 2016

Ulteriore conferma della presenza di acqua liquida su Marte è la scoperta recente di presenza di Boro. Questo elemento chimico indica che le condizioni ambientali all'epoca consistevano in temperature comprese tra i 0° e 60°C ed un ambiente neutro ad alcalino:

"If the boron that we found in calcium sulphate mineral veins on Mars is similar to what we see on Earth, it would indicate that the groundwater of ancient Mars that formed these veins would have been 0-60 degrees Celsius and neutral-to-alkaline pH "

Questo non significa che ci fosse vita, ma le condizioni per cui si potesse sviluppare si.

L'articolo si trova qui: http://www.sciencealert.com/boron-has-been-detected-on-mars-for-the-first-time

Consideriamo che cianobatteri o batteri come il Tetano vivono in condizioni mooooolto più difficili....e qui sorge la domanda....le sonde che inviano su marte hanno qualche sistema per decifrare tracce biologiche? o simil tali? chiedo da estremo ignorante....

Dec 22, 2016

Lessi da qualche parte, ma lasciatemi il beneficio del dubbio, che i rover Opportunity e Curiosity, non sono stati mandati su Marte con lo scopo di rilevare la presenza di segnali biologici attuali e soprattutto NON sono stati trattati per poter NON trasportare micro-organismi terrestri su Marte... questo significa che in questo momento stiamo probabilmente inquinando il suolo marziano con patogeni terrestri. E' stato osservato che per esempio la Candida albicans ed i Tardigradi resistono senza problemi a condizioni estreme nello spazio siderale (radiazioni cosmiche, UV, temperature estreme etc etc). Appena trovo riferimenti biblio li aggiungo di seguito.

eh quindi mi pare na bella fregatura o meglio..... mi sembra idiota (anche se chi sono io per dirlo) mandare una sonda su un pianeta vergine e invece di sapere cosa c'è contaminarlo con qualcosa di importato...mi pare na follia...poi per carità loro sapranno sicuramente il perchè ma mi pare folle...ti chiedevo questo perchè ad esempio i ciano sono i responsabili della trasformazione delle sostanze Azotate, e quindi avere una sonda che rilevi tali composti organici indirettamente potrebbe aiutare a capire cosa c'è li sù e in che maniera....

https://www.scientificamerican.com/article/bacteria-discovered-spacecraft-clean-rooms/

"The researchers named the bacterium Tersicoccus phoenicis. “Tersi” is Latin for clean, as in clean room, and “coccus” comes from Greek and describes the bacterium in this genus’s berrylike shape. “Phoenicis” as the species name pays homage to the Phoenix lander. The scientists determined that T. phoenicis shares less than 95 percent of its genetic sequence with its closest bacterial relative. That fact, combined with the unique molecular composition of its cell wall and other properties, was enough to classify Tersicoccus phoenicis as part of a new genus—the next taxonomic level up from species in the system used to classify biological organisms. The researchers are not sure yet if the bug lives only in clean rooms or survives elsewhere but has simply escaped detection so far, says Christine Moissl-Eichinger of the University of Regensburg in Germany, who identified the species at the ESA’s Guiana Space Center in Kourou, French Guiana. Some experts doubt that Tersicoccus phoenicis would fare well anywhere other than a clean room. “I think these bugs are less competitive, and they just don't do so well in normal conditions,” says Cornell University astrobiologist Alberto Fairén, who was not involved in the analysis of the new genus. “But when you systematically eliminate almost all competition in the clean rooms, then this genus starts to be prevalent.”

New Posts
  • Proviamo a riesumare questo Forum con una discussione interessante. Come alcuni di voi sapranno sto cercando materiale informativo su Nectocaris.... Postatemi e linkatemi qui sotto tutto il materiale che avete informativo...così che creo un database che mi sarà utile per il lavoro di 3D. Non riesco a trovare questa pubblicazione: Conway Morris, S. 1976: Nectocaris pteryx, a new organism from the Middle Cambrian Burgess Shale of British Columbia. Neues Jahrbuch fu¨r Geologie und Palaeontologie, Monatshefte 12, 703– 713. idee? queste sono già in mio possesso: (Martin & Caron, 2010), (Martin, 2013) and (Mazurek& Zaton, 2011)
  • A BURGESS SHALE PRIMER - HISTORY, GEOLOGY, AND RESEARCH HIGHLIGHTS Interessante testo di Dave Rudkin illustrante il famoso livello fossilifero che ha dato alla luce le meravigliose faune di #Burgess Shale, Canada; l'articolo fa parte del Field Trip Companion Volume edito nel 2009 in occasione del centenario della scoperta di questo sito da parte di C.D. Walcott (nel 1909, ovviamente). Per chi ha accesso alla piattaforma Academia lo puo' trovare di seguito, altrimenti contattatemi per avere la copia: https://www.academia.edu/1471115/The_Mount_Stephen_Trilobite_Beds?source=swp_share
  • Articolo pubblicato un paio di anni fa su una nuova specie di "aglaspid-like" rinvenuto nel celebre lagerstätte del Cambriano, Serie 2, Stage 4 di Emu Bay (sud Australia). Non possiede le caratteristiche tipiche degli #Aglaspidi, ne dei #Cheloniellida. Gli autori lo inseriscono all'interno ei Vicissicaudata, clade che raggruppa gli Aglaspidida, Cheloniellida e un gruppo definito come Xenopoda; In quest'ultimo gruppo, cui sono inseriti Sidneya ed Emeraldella , viene introdotto questo nuovo euartropode, # Eozetetes gemmelli . Abstract: A new euarthropod from the Emu Bay Shale (Cambrian Series 2, Stage 4) on Kangaroo Island, South Australia, is a rare component of this Konservat-Lagerstätte. The two known specimens of Eozetetes gemmelli gen. et sp. nov., in combination, depict a non-biomineralized euarthropod with a relatively short cephalic shield lacking dorsal eyes and bearing a flagelliform antenna, 18 trunk segments with broad tergopleurae and paired axial nodes/carinae, and an elongate, styliform tailspine. The new species compares most closely with taxa in the putative clade Vicissicaudata, which groups Aglaspidida, Cheloniellida and Xenopoda. A ring-like terminal tergite in E. gemmelli corresponds to the caudal tergite in cheloniellids and xenopodans. Incorporating Eozetetes into recent character sets for Cambrian euarthropods supports close affinities to either Emeraldella or to aglaspidids, but several plesiomorphic character states are inconsistent with membership in Aglaspidida sensu stricto. Eozetetes is among the earliest of various Cambrian taxa informally referred to as ‘aglaspidid-like euarthropods’. Link verso pubblicazione: https://doi.org/10.1017/S0016756815001053 Una discussione su cosa sono gli aglaspidi la potete ritrovare qui: https://www.trilobiti.com/forum/paleozoic-area/gli-aglaspidi

Trilobites on sale

  • Facebook - Grey Circle
  • Twitter - Grey Circle
  • Instagram - Grey Circle

Other Fossils on sale

Books and equipment

Info

Trilobite Design Italia NON vende fossili Italiani.

In Italia è vietato il commercio e la vendita di fossili provenienti dal territorio dello Stato in quanto ritenuti beni culturali e rientranti nei beni tutelati dalla normativa n.1089 dd 1 Giugno 1939 e la nostra azienda NON commercia questi campioni. La presente ditta TDI di Gianpaolo Di Silvestro esclude nella totalità qualsiasi campione fossile d’origine paleo-antropologica. In accordo con la legge Italiana tutti i fossili sono importati ed esportati regolarmente.

Tutti i prezzi del sito sono da intendersi IVA compresa la fattura commerciale sarà allegata alla merce spedita

All prices are VAT included

Trilobite Design Italia and Scientificmodels are website made by Di Silvestro Gianpaolo Aurisina TS  ITALY P.I 01265210326